I Los Angeles Valiant della Overwatch League hanno licenziato l’intero roster e la maggior parte dello staff tecnico in vista della stagione 2021, poche settimane prima del trasferimento della squadra in Cina, dove avrebbe disputato la prossima stagione della Lega.

Ari Segal, amministratore delegato di Immortals Gaming Club, la società proprietaria del Valiant, ha dichiarato in un’intervista che sia il franchise che la lega hanno concluso che “sarà impossibile ottenere i visti per questi giocatori per farli arrivare in Cina”. “Questa non è davvero una scelta”, ha detto Segal riguardo la decisione di rilasciare il roster Valiant. “Ovviamente, è una situazione difficile. Ovviamente, sono coinvolti gli stipendi e il pane quotidiano delle persone“. Diversi giocatori verranno trasferiti ad altre squadre della Overwatch League, ma Segal ha rifiutato di dire dove. Michael “Packing 10” Szklanny, direttore generale e allenatore della squadra, rimarrà con gli Immortals Gaming Club ma in un altro ruolo.

Segal ha detto che il franchise manterrà il nome di Los Angeles Valiant e gli Immortals Gaming Club continueranno a possedere il franchise. All’inizio di questo mese, dopo che i Valiant hanno annunciato il trasferimento del team in Cina, il franchise ha negato delle voci su Twitter secondo cui era stato venduto a un’altra organizzazione. I Valiant sono ora in una partnership con un’organizzazione con sede in Cina, ma i dettagli completi di questo accordo non sono ancora stati divulgati. I Valiant si uniscono ai New York Excelsior e ai Philadelphia Fusion, altri due franchise nordamericani che quest’anno si trasferiranno in Corea del Sud per competere nella Overwatch League.

Prima di separarsi dalla sua intera squadra, il franchise ha indagato se fosse possibile ottenere i visti per il roster nordamericano ma senza successo. La decisione di trasferire i Valiant è dipesa dalla migliore capacità pianificazione in tempo di pandemia che offrono la Cina o la Corea del Sud, ha detto Segal. C’è una maggiore probabilità che le competizioni dal vivo della Overwatch League torneranno possibili in entrambi i paesi in questa stagione. Gli Shanghai Dragons hanno già ospitato una serie di show match dal vivo a dicembre. “In un ambiente operativo impegnativo, devi davvero fare il punto su qual è la differenza sul campo“, ha detto Segal. “C’è una base di fan appassionati, assetati di Overwatch e – in molti casi – poco serviti in Asia“.

La scorsa stagione è stata la prima volta che le squadre della Overwatch League hanno gareggiato in diretta in Asia in prima serata e il campionato ha riportato spettatori record in Cina per le trasmissioni. Nonostante tutte le sfide portate dalla pandemia, le finali del campionato si sono svolte in Corea del Sud. Segal ha detto che il trasferimento della squadra è una decisione temporanea causata dalla pandemia, ma Segal ha detto anche che, storicamente, le franchigie sportive si sono trasferite e rinominate molto spesso In caso di necessità.

“Non abbiamo preso questa decisione alla leggera”, ha detto Segal, aggiungendo: “Non sappiamo cosa ci riserva il futuro“. Pochi giorni dopo la notizia iniziale del trasferimento in Cina, Josh “Sideshow” Wilkinson e altri commentatori della Overwatch League hanno discusso le voci che circondano il Valiant su “Plat Chat”, un podcast dedicato alla Overwatch League. All’epoca, Wilkinson disse che qualsiasi decisione da parte dell’Immortals Gaming Club di eliminare l’intero roster di Valiant così tardi nella stagione sarebbe stata “un comportamento non etico“. “Penso che sia solo un brutto affare”, ha detto poi Wilkinson. “Le persone non vorranno più essere fan del Valiant, sicuramente non dopo che il management gli ha appena fregato i loro giocatori preferiti”.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome