L’International Betting Integrity Association (Ibia), l’associazione, fondata nel 2005 e precedentemente nota come Essa, che si occupa dell’integrità dello sport e delle scommesse sportive, rassicura bookmaker e scommettitori sui livelli di sicurezza relativi al settore degli sport elettronici. In particolare, secondo Khalid Ali, Amministratore delegato dell’organismo, la pandemia ha spinto in primo piano videogiochi più convenzionali come Fifa e Nba2K, il che ha portato una serie di sfide all’integrità. Per questa ragione Ibia ha messo in atto un processo per il monitoraggio e la segnalazione di schemi di scommesse sospetti emersi da tornei organizzati privatamente dallo scoppio e ha avviato una serie di webinar tra i suoi membri, sport e regolatori. Ali si aspetta di vedere più avvisi al di fuori dell’Europa in futuro poiché più giurisdizioni regolano le scommesse.
L’organismo – come riportato dal Ceo in un’intervista concessa a Yogonet.com – ha segnalato 76 casi di scommesse sospette durante il terzo trimestre, il 31 percento in più rispetto al secondo trimestre del 2020 e in particolare il 52 percento in più rispetto al terzo trimestre del 2019. Per un anno che definisce “turbolento” per l’industria delle scommesse, con il rinvio di importanti eventi sportivi e la chiusura dei punti vendita. “Dal punto di vista dell’integrità, ci sono state preoccupazioni per i tornei organizzati privatamente che sono emersi per sostituire il tradizionale calendario sportivo. Tuttavia, in Ibia non solo abbiamo seguito queste tendenze, ma abbiamo anche guidato una serie di questioni. All’inizio del primo blocco globale, abbiamo messo in atto un processo per monitorare e segnalare schemi di scommesse sospetti che emergono da tornei organizzati privatamente. Ciò ha incluso il lavoro ancora più stretto con i nostri attuali stakeholder come il Cio e la Tennis Integrity Unit, ma anche il contatto con i fornitori di dati. In quei tempi incerti, volevamo garantire una comunicazione chiara e una cooperazione tempestiva, quindi abbiamo anche avviato una serie di webinar tra i nostri membri, sport e autorità di regolamentazione per fornire una risposta coerente e coordinata a tutte le sfide poste dal Covid-19”.
Stando alle rilevazioni di Ibia le scommesse sugli esports sono state uno dei settori di tendenza dall’inizio della pandemia e più volte hanno sollevato preoccupazioni su questioni di integrità. Con 14 avvisi nel terzo trimestre e 12 nel secondo trimestre. Tutto questo anche per via del boom registrato dal settore durante il lockdown. “Non c’è dubbio che l’eSports sia stato uno dei più grandi vincitori della pandemia – spiega Ali – soprattutto perché può essere condotto da remoto e non richiede eventi in stadio, anche se sono molto frequentati. Prima del Covid-19 le scommesse sugli esports erano prevalentemente basate su giochi di strategia in tempo reale come League of Legends e Dota 2, ma ciò che ha fatto la pandemia è stato spingere alla ribalta videogiochi più convenzionali come Fifa e Nba2K. Ciò ha comportato una serie di sfide per l’integrità; tuttavia, abbiamo una relazione di lunga data con la eSports Integrity Commission (Esic) e abbiamo segnalato loro i nostri avvisi, che stanno indagando. È importante ricordare che gli avvisi coprono le scommesse sospette, non significa che le partite truccate abbiano sicuramente avuto luogo e la stragrande maggioranza degli eSport è esente da corruzione. Tuttavia, laddove dimostrato, accogliamo con favore le forti sanzioni che Esic ha concesso”.
A maggio, il Ceo di Ibia aveva invitato tutte le parti coinvolte nella catena di fornitura dei dati sugli eventi sportivi per le scommesse ad aderire agli standard globali delle migliori pratiche in merito alla vendita, raccolta e distribuzione dei dati sportivi per le scommesse. E il risultato, a suo dire, è stato “estremamente positivo”. “Molti riconoscono che il pericolo per l’integrità dei dati sugli eventi sportivi persiste e un’azione coordinata è una contromisura efficace – spiega – In definitiva, il nostro obiettivo principale è quello di avvantaggiare tutti gli interessati nella catena di fornitura dei dati”.
“Dati sportivi accurati, affidabili e trasparenti sono un imperativo per gli operatori di scommesse e garantire che la catena di fornitura dei dati sia solida e sicura è diventata una questione centrale per gli operatori regolamentati responsabili che Ibia rappresenta. Nessun approccio basato sui dati è immune da potenziale corruzione, ma è possibile e necessario adottare misure per proteggersi da attività illecite e controlli efficaci possono ridurre al minimo i rischi. La serie di standard che abbiamo prodotto si concentra su tre aree chiave: controllo e formazione del personale; il processo di raccolta dei dati; e integrità e reporting dei dati. All’interno di queste sezioni sono presenti una serie di requisiti visti come importanti pratiche di lavoro nella raccolta dei dati, come garantire che i raccoglitori di dati siano adeguatamente formati, evitare potenziali conflitti di interesse e mantenere la sicurezza dei dati degli eventi. La sezione di reporting sull’integrità è di particolare interesse per Ibia e i suoi membri e, come afferma, sostenere e proteggere l’affidabilità e la credibilità dei dati sportivi è di fondamentale importanza per noi. Quella sezione promuove che una valutazione dettagliata del rischio dovrebbe essere condotta su tutti gli eventi sportivi e le competizioni su cui vengono raccolti i dati, con monitoraggio e revisione continui. Inoltre, laddove vengono identificati problemi di integrità dei dati, tutte le parti in quella catena di fornitura dei dati e qualsiasi altra parte interessata dell’integrità devono essere informate immediatamente”.
banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome