Negli ultimi due giorni, le azioni del rivenditore di videogiochi GameStop (NYSE: GME) alla Borsa di New York (NYSE) sono diventate oggetto di una delle più grandi contrazioni al ribasso a cui il mercato finanziario abbia mai assistito. Di conseguenza, le azioni di GameStop sono diventate il titolo più scambiato sul NYSE, occupando la prima pagina di tutti i principali canali di notizie e inondando le bacheche dei social media. Al suo attuale picco provvisorio, il titolo ha superato il prezzo di 514 dollari per azione, facendo salire alle stelle la capitalizzazione di mercato temporanea della società fino a 35,9 miliardi.

L’ascesa e la caduta di GameStop

GameStop è stata lanciata sul mercato nel febbraio 2002 da Barnes & Nobles Booksellers, che possedeva la società prima che diventasse una società indipendente nel 2004. Negli anni successivi fino al 2016, la società si è espansa rapidamente negli Stati Uniti e a livello internazionale. GameStop ha acquisito diverse aziende nel frattempo, tra cui diverse catene di negozi al dettaglio e lo studio di sviluppo indipendente Kongregate. Alla fine del 2016, GameStop gestiva più di 7.500 negozi. Accanto alla sua espansione, la società ha aumentato significativamente i suoi ricavi e ha superato più volte i 9 miliardi di dollari di vendite negli anni precedenti al 2016. Tra il 2013 e il 2016, GameStop ha generato profitti netti annuali compresi tra 350 milioni e i 400 milioni di dollari, mentre il prezzo delle azioni è oscillato tra i 25 e i 55 dollari ciascuna. Sulla scia del cedimento del mercato dei giochi fisici al mercato digitale, GameStop ha registrato un calo delle vendite del 16,4% nelle festività natalizie del 2016, riscontrando una contrazione simile nel prezzo delle sue azioni. L’ulteriore declino di GameStop è rappresentato dal rapido deterioramento dei suoi profitti. Inizialmente, i profitti netti dell’azienda sono scesi da 353 milioni di dollari nel 2016 a soli 34,7 milioni nel 2017. Negli anni successivi, GameStop ha riportato perdite di 673 milioni nel 2018 e di 471 milioni nel 2019. Anche per il 2020 è probabile che la società segnalerà ulteriori perdite a 9 cifre.

GameStop prova gli Esports

Nel tentativo di invertire la traiettoria discendente, GameStop ha assunto la società di design economico R/GA e, nel luglio 2019, ha presentato piani per rinnovare i suoi negozi, concentrandosi sui giochi competitivi e il retrogaming. Durante i suoi sforzi di riorganizzazione, GameStop ha licenziato circa 170 dipendenti. Inoltre GameStop, che ha sede in Texas, ha firmato diversi accordi con organizzazioni esportive locali. ll rivenditore di videogiochi ha firmato un accordo triennale con Complexity Gaming per nominare la sua sede nel campus dei Dallas Cowboys, GameStop Performance Center . Ha inoltre firmato accordi di sponsorizzazione con le organizzazioni di eSport con sede in Texas come i Dallas Fuel e la loro organizzazione madre, Envy Gaming; così come con OpTic Gaming e gli Houston Outlaws, che erano di proprietà di Infinite Esports.

Il Covid schiaccia le vendite al dettaglio

Un paio di mesi dopo la decisione di rinnovare i negozi GameStop, gli sforzi del governo degli Stati Uniti per rallentare la diffusione del Covid-19 hanno richiesto alla società di chiudere tutti i suoi 3.500 store nel paese a partire dal marzo 2020. Prima che i negozi fossero autorizzati a riaprire a maggio, circa il 65% dei negozi statunitensi di GameStop ha offerto il take away dei videogiochi ma non ha avuto molto successo. Sebbene la società abbia registrato un aumento del 519% su base annua delle vendite digitali per il primo trimestre fiscale del 2020, terminato il 2 maggio, i suoi ricavi totali sono diminuiti del 34%. Tuttavia, l’amministratore delegato di GameStop George Sherman ha spiegato che si aspettava di riprendersi dalle perdite nel primo trimestre del 2021 beneficiando del rilascio delle console di gioco di nuova generazione di Sony e Microsoft nella seconda metà del 2020. Ulteriori notizie positive per GameStop sono seguite nell’ottobre 2020, quando la società ha annunciato un accordo con Microsoft, che include una sorta di revenue share su tutti gli acquisti di giochi digitali per Xbox Series X e S venduti da GameStop.

Supporto da parte di investitori istituzionali

Mentre le azioni di GameStop sono scese sotto i 4 dollari nel 2019, Michael Burry, un investitore famoso per aver vinto una scommessa da un miliardo di dollari contro il mercato immobiliare statunitense nella crisi dei subprime del 2008, ha annunciato che avrebbe tenuto le sue azioni di GameStop (di cui all’epoca possedeva il 3,3%) tramite la sua società di investimento Scion Asset Management. Scion Asset Management ha successivamente rivelato di aver acquistato il 5,3% di GameStop tra i 2 e i 4,2 dollari per azione, spendendo circa 15 milioni di dollari in totale nonostante i guadagni negativi della società. A settembre, l’azienda ha ridotto le sue partecipazioni in GameStop all’1,7%. Oltre a Scion Asset Management, GameStop è supportato da molti altri investitori istituzionali, tra cui la società di gestione degli investimenti BlackRock, che attualmente possiede il 13,2% delle azioni di GameStop, e la società di servizi finanziari Fidelity. Nell’agosto 2020, Ryan Cohen, fondatore della società di alimenti per animali Chewy, che ha venduto per 3,35 miliardi di dollari a PetSmart nel 2017, ha acquisito una partecipazione del 9% in GameStop tramite il suo fondo RC Ventures per diventare il terzo più grande investitore nella società dietro Blackrock e Fidelity. Entro la fine del 2020, le azioni di GameStop si sono riprese dal minimo storico del 2019 e sono oscillate intorno ai 20 dollari per azione.

Dato per morto

Mentre GameStop ha attirato nuovi investitori grazie alla sua riorganizzazione durante la pandemia globale, sempre più venditori allo scoperto hanno iniziato a prestare attenzione alla società. Credendo che il valore delle azioni fosse sopravvalutato, diverse aziende, tra cui Citron Research, hanno iniziato a vendere l’azienda allo scoperto. La vendita allo scoperto di un’azione consente agli investitori di trarre profitto da una società le cui azioni diminuiscono di valore. Per vendere allo scoperto, un investitore prende in prestito un’azione da un broker e la vende a una terza parte al prezzo di mercato corrente. Per chiudere la transazione, l’investitore deve riacquistare il titolo e restituirlo al prestatore. Per sua natura, le perdite derivanti dalla vendita allo scoperto possono essere tecnicamente infinite, mentre il rischio di acquistare un’azione è limitato dall’importo pagato per essa. I venditori allo scoperto possono essere attori importanti nei mercati finanziari. Di solito sono specializzati nella ricerca di società sovr-quotate in borsa o fraudolente e scommettono contro di loro, spesso portando a interventi normativi. Entro il 31 dicembre 2020, GameStop ha ricevuto più scommesse contro di sé rispetto al totale delle sue azioni in circolazione: il 102% delle sue azioni in circolazione è stato venduto allo scoperto, il che significa che nel caso in cui tutti i venditori allo scoperto volessero chiudere la loro transazione contemporaneamente, il prezzo di GameStop aumenterebbe all’infinito poiché la domanda per gli investitori che vendono loro azioni supererebbe l’offerta massima possibile.

Reddit entra in scena

Parallelamente a Burry e Cohen che sostengono GameStop, diversi piccoli investitori al hanno iniziato a collocare opzioni di acquisto su GameStop e hanno condiviso le loro buone sensazioni sul futuro dell’azienda sul thread Reddit Wall Street Bets (WSB), noto per la sua natura borderline e le accuse di manipolazione del mercato. Le opzioni di acquisto sono contratti finanziari che consentono agli acquirenti di trarre profitto dall’aumento del prezzo di un’azione al di sopra di un prezzo specificato entro un limite di tempo stabilito. Ad esempio, GameStop è stata scambiata a circa 470 dollari ad azione subito dopo l’apertura del mercato giovedì. Se un acquirente avesse acquistato un’opzione di acquisto di una settimana su GameStop che fosse scaduta alle 9:30 di giovedì e aveva un prezzo di esercizio di $ 200, allora il suo profitto netto sarebbe 269 dollari, che è il prezzo dell’azione alla scadenza dell’opzione (470 dollari) meno il prezzo pagato per l’opzione (1 dollaro) e il prezzo di esercizio dell’opzione (200 dollari). A seguito dell’impennata del prezzo delle azioni di GameStop associata all’investimento di Cohen, più utenti di WSB hanno inserito opzioni di acquisto sulla società e i post sulla società sono diventati più frequenti. Il numero di post sulle azioni GameStop in WSB è ulteriormente aumentato a dicembre 2020, con alcuni utenti che hanno scommesso su una imminente compressione delle azioni. In quelle conversazioni sul forum, l’hedge fund Melvin Capital Management, un detentore significativo di posizioni di vendita allo scoperto di GameStop, è stato scelto collettivamente come figura antagonista.

La combinazione dell’ingresso di Cohen nel consiglio di amministrazione di GameStop l’11 gennaio e il continuo clamore sulle console di gioco PlayStation 5 e Xbox Series X recentemente rilasciate hanno riacceso l’interesse del subreddit per l’azienda con diversi post che chiedevano agli utenti di investire in essa. La situazione si è ulteriormente aggravata il 20 gennaio, quando Andrew Left di Citron Research ha condiviso la sua prognosi ribassista su diversi titoli attualmente popolari su WSB e diversi Redditor hanno creato post che istruivano i lettori ad acquistare opzioni di acquisto di GameStop per smentire le posizioni di venditori allo scoperto come Citron Research. L’utilizzo delle opzioni di acquisto ha consentito alla comunità di Reddit di sfruttare i propri investimenti in misura sufficiente per influenzare in modo significativo il prezzo di mercato di GameStop.

La Grande Scommessa (Persa)

Uno short squeeze si verifica quando il prezzo di un titolo aumenta oltre una soglia specifica alla quale gli investitori allo scoperto riducono le loro perdite acquistando le azioni per restituire le azioni al loro prestatore. Questo fenomeno può spingere rapidamente il prezzo di un’azione verso l’alto di diversi punti percentuali e in alcuni casi raddoppiarlo poiché sempre più venditori allo scoperto sono spinti al loro limite e devono coprire le loro perdite acquistando il titolo. Dal 13 gennaio, quando il prezzo per azione di GameStop è aumentato a 31,4 dollari dai 19,95 del giorno precedente, una serie di short squeeze ha spinto il prezzo del titolo a oltre 510 dollari ad azione durante le ore di apertura del mercato di giovedì. Questo fenomeno è stato accelerato da diversi eventi sui social media, inclusi i tweet del CEO di Tesla Elon Musk e del presidente di Virgin Galactic Chamath Palihapitiya.

Le azioni di GameStop non sono aumentate secondo un movimento al rialzo naturale perché in quel caso gli investitori a lungo termine avrebbero raccolto le loro vincite vendendo le loro azioni. Quando gli investitori istituzionali decidono di offrire una quantità significativa di azioni ai venditori allo scoperto è perché stanno cercando di coprire le loro perdite, è inevitabile che il prezzo delle azioni di GameStop scenderà drasticamente a causa dell’aumento dell’offerta di azioni. Tuttavia, il prezzo delle azioni potrà salire di nuovo non appena più venditori allo scoperto vorranno approfittare del calo dei prezzi e acquistare per coprire le loro perdite, quindi riportando il prezzo al rialzo. Nel processo di raggiungimento di nuovi massimi storici, il titolo è stato scambiato centinaia di milioni di volte al giorno e il trading è stato interrotto più volte a causa dell’elevata volatilità. In virtù dello short squeeze, i venditori allo scoperto di GameStop hanno perso diversi miliardi di dollari a gennaio. Secondo quanto riferito, Melvin Capital Management ha dovuto ottenere un investimento salvavita di 2,75 miliardi di dollari per stabilizzare la società dopo aver subito enormi perdite sulle sue scommesse contro GameStop.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome