Articolo top

Il team Liquid ha stretto un accordo con l’organizzazione di mixed martial arts, Professional Fighters League. La collaborazione prevede la partecipazione congiunta degli atleti delle due squadre ad alcune promozioni. Inoltre i migliori gamer e streamer del team Liquid saranno nominati ambasciatori della Professional Fighters League. Dovranno perciò prender parte ai suoi eventi e condividere queste esperienze con i propri follower sui social. Un matrimonio tra eSports e arti marziali che punta ad essere vincente per entrambi.

COMUNANZA DI VALORI – “Al team Liquid, cerchiamo partnership innovative che ci permettano di esplorare nuovi spazi – afferma il fondatore e co-ceo del team Liquid, Victor Goossens -. Mi sono innamorato delle mixed martial arts 15 anni fa, quando ero un giocatore di Starcraft e vivevo a Seoul. Vedo molti degli stessi valori fondamentali tra le nostre organizzazioni con particolare attenzione all’intrattenimento, al formato sportivo competitivo e alla cultura athlete-first. Questa partnership consentirà ai professionisti del team Liquid e ai migliori atleti della Professional Fighters League di esplorare diversi modi per creare intrattenimento e promozioni per i fan di entrambi”, conclude Goossens.

OBIETTIVO: IL PUBBLICO GIOVANE – Nel 2017 la Professional Fighters League si è distinta soprattutto per il suo rebranding, e per il cambio di formato da una serie a una lega completa di stagione regolare e playoff. La strategia di marketing della Professional Fighters League include lo streaming online di ciascun evento su NBCSports.com e, a livello internazionale, tramite Facebook. Prevede inoltre partnership promozionali come quella con il team Liquid. Donn Davis, co-fondatore e presidente della Professional Fighters League, ha dichiarato che questa partnership “è un altro esempio di come la Professional Fighters League si stia rinnovando” per raggiungere “una nuova era” di fan.

Articolo bottom

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome