banner EAG2020 Article 700×150

La stagione di League of Legends è ancora ben lungi dal terminare. L’Europa sarà infatti l’ultima in ordine di tempo a determinare il trio delle squadre che rappresenteranno il Vecchio Continente ai mondiali da giocare in casa. G2 Esports e Fnatic hanno già staccato il biglietto, con i gialloneri che attendono di conoscere se come seconda o terza fascia, mentre la terza sarà la finalista del Regional Gauntlet, il torneo a cui accedono le quattro squadre che hanno ottenuto più punti circuito nel 2019. Tra loro figurano gli Origen, squadra guidata dall’ex-giocatore spagnolo Enrique “xPeke” Cedeno Martinez e dal conosciutissimo ex-commentatore Martin “Deficio” Lynge

Enrique ‘xPeke’ Cedeno Martinez (al centro) e Martin ‘Deficio’ Lynge (a destra)

Nonostante uno Spring Split ai massimi livelli, con la finale disputata contro i G2 Esports, il Summer non è andato allo stesso modo: fuori dalla corsa playoff con un deludente ottavo posto in regular season, l’unica speranza degli Origen di raddrizzare la stagione è adesso la qualificazione ai Worlds 2019 che si giocano in Europa. Speranza aggrappata al Gauntlet a cui, però, non potrà partecipare uno dei titolari della formazione: il jungler Jonas “Kold” Andersen.

Un problema di salute rende Kold impossibilitato a partecipare all’ultima parte della stagione ma non tutti i mali vengono per nuocere. Andersen non ha certo brillato nel Summer 2019: è stato il peggior jungler della LEC per percentuale di danno e il secondo per morti. Un cambio in giungla, anche se non voluto, potrebbe essere una mossa decisiva per gli Origen. A sostituirlo sarà Nikolay “Zanzarah” Akatov, giocatore della squadra B degli Origen che milita nella lega spagnola e che è attualmente impegnato nell’EU Masters

Il primo avversario saranno gli Splyce nel Round 1 del Gauntlet, venerdì 13 settembre.

Articolo bottom

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome