Backpack with school supplies
banner EAG2020 Article 700×150

Con l’avvento della tecnologia, i computer sono diventati uno degli strumenti più importanti anche per gli studenti sia di scuole superiori che di università. Basta pensare alle infinite possibilità che vengono offerte da esso, come poter prendere appunti, fare compiti, ricerche, tesine e un’infinità di altre attività.

Proprio per questo, con l’inizio del nuovo anno scolastico, Crucial ha deciso di dare preziosi consigli agli studenti in cerca di un computer perfetto per ogni loro esigenza.

Un upgrade di DRAM o di drive allo stato solido (SSD) permette di velocizzare qualsiasi operazione eseguita sul computer: dalla stesura di un documento su Word allo streaming di un video.

Ma la domanda che la società americana si è posta è stata: di quanta memoria ha dunque bisogno uno studente?

A questa domanda, Crucial ha deciso di rispondere suddividendo gli studenti in varie categorie.

  1. Lo studente efficiente

Si tratta di quegli studenti che usano il computer principalmente per le funzioni elementari come la navigazione web, la scrittura o l’uso dei social e che si possono accontentare di 4 GB di memoria RAM. Quantità di memoria che potrebbe non bastare per evitare improvvisi blocchi del PC entro qualche anno, per questo, optare per gli 8-16 GB di una delle SODIMM Crucial è garanzia di performance di alto livello per tutti gli anni di studio e non solo.

  1. Lo studente che “il disco rigido si è mangiato i miei compiti”

Molti studenti distratti non pongono molta attenzione a dove lasciano il proprio notebook, col rischio esso cada, si graffi o altro. Come evitare queste tragedie? Semplicemente sostituendo il disco rigido (HDD) con un disco allo stato solido (SSD), come gli SSD Crucial BX500. La differenza sta che negli SSD non è presente alcuna parte mobile e sono dunque in grado di assorbire meglio gli urti dovuti a cadute accidentali.

  1. Lo studente creativo

Questa categorie racchiude tutti quegli studenti che hanno bisogno di  software di video editing, fotografia, sviluppo software, design o architettura e che avranno quindi necessità di soluzioni hardware capaci di garantire la velocità dei propri sistemi. Il suggerimento è quello di installare DRAM ad alte prestazioni per il gaming, come lev DRAM Ballistix, poiché ideali per gestire programmi a uso intensivo della memoria, sia che si tratti di giochi che di applicazioni grafiche.

  1. Lo studente archivista

Programmi come quelli appena descritti generano file enormi. È così che in breve, gli studenti si ritroveranno a corto di spazio su disco e saranno costretti a diventare degli archivisti professionisti.  Negli ultimi anni il costo dello storage è molto diminuito e gli SSD sono una soluzione efficace per aggiornare il sistema a 500 GB, 1 TB o addirittura 2 TB. Gli SSD sono, inoltre, molto più performanti degli HDD sia in fase di accensione sia nel caricamento di grossi file. Se siete a corto di idee, vi conviene puntare su Crucial SSD MX500.

  1. Lo studente che “non c’è solo lo studio”

Molti studenti non usano il PC solamente per lo studio, ma anche per lo svago nel tempo libero, che può racchiudere musica, film e social media. Questi programmi non richiedono enormi quantità di memoria o di storage, ma le prestazioni sono in generale migliori se si usano browser e sistemi operativi aggiornati, che a loro volta funzionano meglio su un hardware che sia all’altezza. Il più grande vantaggio offerto da una maggiore quantità di DRAM, come quella offerta dalle SODIMM Crucial, è il multitasking. Gli studenti che usano diversi programmi, tengono aperta una moltitudine di schede sul browser e guardano video in streaming, incontreranno qualche difficoltà nella riproduzione se la memoria non è in grado di gestire il carico di lavoro. Un aggiornamento ad almeno 8 GB permetterà di fare funzionare tutto a dovere.

  1. Lo studente giocatore

Gli studenti gamer sono quelli che probabilmente noteranno più velocemente un aumento delle performance dopo avere aggiunto memoria al proprio PC. I giochi, infatti, sono sempre più affamati di memoria, le aziende produttrici di giochi raccomandano infatti di avere come minimo 16 GB per massimizzare la resa grafica e ottimizzare l’esperienza di gioco. Questi giochi richiedono anche molto spazio su disco, il che significa che i giocatori con spazio insufficiente dovranno cancellare i giochi più vecchi solo per poter installare quelli nuovi. Anche in questo caso, il passaggio da HDD a SSD, come le Crucial P1, è quello più consigliato per far sì che il giocatore non debba aspettare lunghi minuti per avviare il gioco, salvare file o accedere al livello successivo.

Articolo bottom

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome