Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e l’organizzazione no profit Games for Change hanno annunciato un nuovo progetto che riunirà più di 2.700 studenti negli Stati Uniti, in Israele, negli Emirati Arabi Uniti e nel Bahrein per produrre e giocare a videogiochi con un elevato impatto sociale.

L’iniziativa funzionerà come un programma di scambio culturale che collegherà studenti e insegnanti delle quattro regioni con un focus sull’insegnamento, lo sviluppo e la creazione di giochi che avranno un impatto al di fuori del semplice intrattenimento. Tutto ciò è stato reso possibile grazie alla Stevens Initiative, una partnership tra pubblico e privati che mira a promuovere le connessioni tra studenti e giovani negli Stati Uniti, in Medio Oriente e in Nord Africa attraverso programmi di sviluppo delle competenze.

“I giochi hanno un potere che va oltre l’intrattenimento, possono essere importanti motori di impatto sociale”, ha detto al Washington Post Susanna Pollack, presidente di Games for Change. “È un mezzo universale. Come gli altri media, i videogiochi possono affrontare importanti argomenti sociali e raggiungere le persone dove si trovano”. La fase iniziale di Game Exchange includerà “studenti sottorappresentati o sottoserviti” delle scuole di New York City, Atlanta e Detroit. Gli studenti di quelle aree saranno quindi accoppiati con studenti provenienti da Israele, Emirati Arabi Uniti o Bahrain.

Una volta formate, le squadre saranno guidate da un insegnante e inizieranno a lavorare su giochi basati su una questione sociale su cui decidono collettivamente. Ogni squadra lavorerà insieme per sviluppare il loro titolo entro un periodo di 10 settimane. L’apprendimento di una varietà di abilità, come il coding o lo sviluppo tramite motori grafici come Unity, sarà un obiettivo chiave.

“I giovani hanno qualcosa in comune ed è che giocano ai videogiochi”, ha detto l’assistente segretario di stato per gli affari educativi e culturali Marie Royce. “Penso che sia importante avere iniziative sul gaming. È un’opportunità per dare a tutti la possibilità di avere uno scambio. Nella creazione di videogiochi, le persone sviluppano abilità straordinarie che sono fondamentali in quel settore. Sono maggiormente in grado di pensare in modo critico, sviluppare abilità STEM e sviluppare capacità di leadership “. Nel complesso, il programma Game Exchange sarà gestito da Games for Change con finanziamenti del governo degli Stati Uniti come iniziativa diplomatica.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome