Articolo top

L’anno inizia col botto, o meglio, con un altro botto. E anche il nostro sunto settimanale non può che partire dalla notizia che ha scosso la scena eSports italiana all’inizio di questo 2019, vale a dire la nuova fusione dopo quella tra team Qlash e Team Forge di fine dicembre.

Samsung Morning Stars e Team inFerno uniscono le forze e creano un altro team di caratura importante. Probabilmente sono passaggi inevitabili per poter raggiungere la massa critica necessaria per emergere, e a questo punto non ci stupiremmo di vedere altre operazioni analoghe, nel futuro più o meno prossimo.

L’anno si era aperto con i consueti aggiustamenti di mercato dei vari roster, con i team principali protagonisti con nuovi ingaggi più o meno a sorpresa. In settimana proprio in chiave mercato avevamo già parlato dei Morning Stars (BunnyHoppor), ma anche del Team Qlash (Painter). Anche su questo fronte sicuramente vedremo a breve altre importanti novità.

Nei giorni dell’anno hanno trovato spazio su eSportsMag molti bilanci e curiosità, soprattutto su uno dei personaggi del 2018, quel Ninja capace di far lievitare il suo conto in banca solo giocando (abbiamo visto che in realtà non è proprio così). Il Ninja peraltro non è stato l’unico a veder lievitare i guadagni grazie a Fortnite, come abbiamo spiegato scherzando sul fatto che, in un certo senso, Fortnite ha già superato Star Wars. Ma con uno spazio anche a chi gli eSports li gioca, con i 10 team che hanno vinto di più nel 2018.

Senza cedere al gossip abbiamo cercato le previsioni più curiose (come quelle di Isaac Asimov, risalenti a 35 anni fa) e più interessanti (come quelle del Wall Street Journal e dell’analista Michael Pachter) per l’anno entrante. Vedremo tra 12 mesi chi ci ha azzeccato veramente e chi no.

La settimana è stata comunque importante anche per la nascita di alcune novità curiose, come il team LND UTD, a Londra, che stando alla presentazione sembra una via di mezzo tra un team eSports e un reality show. Mentre più concrete sono le novità relative all’accordo tra team Liquid e l’organizzazione di mixed martial arts Professional Fighters League, o quale che riguarda la Bandai Namco e la sua nuova strategia di avvicinamento agli eSports. Come anche, a livello prettamente italiano, l’apertura del sito web dell’Associazione Italia Caster, frutto del lavoro di due professionisti del calibro di Simone “Akira” Trimarchi e Ivan “Rampage In The Box” Grieco.

Spazio dunque agli eSports giocati, con le pesanti sanzioni per chi gioca sporco, e con tanti tornei annunciati (Katowice) e molti che prenderanno avvio già dalla prossima settimana (Napoli), e sarebbero molti di più… Alla fine sono loro la vera notizia, lo spettacolo per il quale i team si preparano per mesi, quello per cui anche noi, assieme a moltissimi altri professionisti, lavoriamo per rendere sempre più comprensibile, visibile e conosciuto anche a chi fino a ieri lo guardava con sospetto. Scardinando luoghi comuni, ma senza nascondere problemi che purtroppo continuano ad esserci anche negli eSports, anche se a volte chi li solleva lo fa magari con altri scopi, e rischia di ottenere l’effetto contrario, come nel caso della fantomatica Ellie.

Articolo bottom

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome