Il primissimo match di Overwatch degli Shanghai Dragons è stato uno 0-4 disastroso contro i Los Angeles Gladiators nel 2018. La squadra ha poi continuato a perdere le successive 41 partite consecutive, quindi l’intera prima stagione del campionato, e le prime due partite della seconda stagione, guadagnandosi il dubbio onore di avere la più lunga serie di sconfitte nella storia degli eSport. L’ultima partita nella Overwatch League degli Shanghai Dragons del 2021 (e l’ultima partita di Overwatch professionistico prima del lancio del sequel l’anno prossimo) è stata una vittoria travolgente per 4-0 contro gli Atlanta Reign per andare a vincere le Grand Finals del 2021.

È una battuta di vecchia data dei fan chiamare la Overwatch League “sceneggiata”. Come in uno show televisivo, alle squadre vengono assegnati archi narrativi, vengono scelti i cattivi e gli eroi e qualsiasi partita si conclude proprio come è stato determinato dagli sceneggiatori. Che gli Shanghai Dragons siano la squadra che chiude il primo capitolo di Overwatch professionistico come lo consociamo, però, è una prova positiva non solo che la questione della sceneggiatura è una bufala ma che è in gioco una sorta di forza cosmica. Storie così belle non accadono per caso, eppure eccoci qui.

La corsa alle finali dei Dragons è iniziata sotto i migliori auspici. Nel primo turno, le squadre con teste di serie più alte hanno avuto l’opportunità di scegliere i loro avversari. Shanghai ha ottenuto la prima scelta e ha deciso di scegliere i San Francisco Shock, una decisione apparentemente suicida.

Gli Shock sono la squadra più vincente del campionato, punto. Sono l’unica squadra ad aver completato una “fase d’oro”, il che significa che hanno vinto tutte e sette le partite in una fase senza perdere una singola mappa, solo 4-0 su tutta la linea. Sono anche l’unica squadra che ha vinto 2 campionati consecutivi. E sono la squadra che ha mandato Shanghai nella looser bracket durante i playoff del 2020. Delle nove partite tra queste due squadre, Shanghai ne ha vinta solo una, quindi è facile capire perché ho pensato che fosse una scelta terribile.

Le mie preoccupazioni erano infondate perché Shanghai ha rapidamente liquidato con un 3-0 San Francisco, facendola precipitare nel girone dei perdenti. Il mio sollievo non era destinato a durare. I Dallas Fuel sono stati la prossima grande sfida dei Dragons dopo aver perso contro di loro nel May Melee all’inizio della stagione. Quando sono iniziati i playoff, ho scritto che la finale che l’Overwatch League 2021 meritava era Dallas contro Shanghai. L’unica altra squadra anche solo vicina a Shanghai in termini di prestazioni è stata Dallas. E, per grazia della Dea Vittoria, Shanghai ha vinto di nuovo.

Non è stato tutto in discesa da qui in poi: gli Shock stavano distruggendo il girone dei perdenti, mandando a casa Philadelphia e Chengdu, due squadre piene di energia. Non ho nulla contro gli Shock, trovo semplicemente noiose le dinastie e per un momento è sembrato che gli Shock del passato fossero tornati, pronti a reclamare la propria corona. Poi, un aiuto inaspettato è arrivato da una fonte improbabile: gli Atlanta Reign.

Mi sono sempre piaciuti i Reign. Sono una squadra ordinata con un’incredibile linea di tank e un’eccellente prova che non hai bisogno di una squadra di assi della mira per avere successo. Atlanta è sempre stata la guardiana delle classifiche superiori, abbastanza brava da tenere fuori tutti gli altri ma mai abbastanza da sfondare. Quindi immagina il mio shock (hehe) quando sono stati loro a eliminare San Francisco. Poi hanno battuto anche Dallas, e mi sono spaventato.

Come ho detto, i playoff non sono mai uno specchio della regular season. Le buone squadre cadono velocemente e le squadre mediocri si ergono improvvisamente dal nulla. Dallas era un diavolo che Shanghai conosceva. Atlanta no.

Nessuna partita delle finali è stata terribilmente competitiva. I Philadelphia Fusion hanno vinto solo una mappa delle otto giocate contro Londra per il campionato inaugurale. Dopo essere rimasti testa a testa nelle vittorie e nei playoff, San Francisco ha mandato a casa Vancouver nel 2019 quattro a zero. Solo Seoul ha reso interessante una partita delle finali, e anche allora hanno perso contro gli Shock 4-2. Odio quando le partite non sono esplosive, specialmente le finali. Ma per questo match tra Atlanta e Shanghai volevo il dominio totale.

Il mio cuore non aveva la forza di sopportare una partita ravvicinata. E, in linea con la tradizione delle finali a senso unico, Shanghai ha esaudito il mio desiderio. Non c’è stato un momento magico come quando i Dragons hanno finalmente vinto la loro prima partita in assoluto contro Boston nel 2019. Niente urla o pianti: solo io che osservavo Shanghai spazzare via Atlanta in overtime e dicevo: “Ecco, questa è la partita che ricorderemo”. Dopo quattro anni, l’arco di redenzione degli Shanghai Dragons è completo.

I Dragons hanno molti primati, nel bene e nel male. Sono stati la prima squadra a perdere ogni partita in una stagione. Sono la prima (e unica) squadra a schierare una giocatrice. Sono stati l’ultima squadra a vincere un campionato a tappe prima che la lega cambiasse il suo formato, e ora sono l’ultima squadra a vincere un campionato in Overwatch 1.

Jon Spector, commissario della Overwatch League, ha confermato che la prossima stagione si giocherà su Overwatch 2. Il sequel porta con sé una serie di altri cambiamenti. Le formazioni iniziali per le squadre si ridurranno di dimensioni da sei giocatori a cinque, e il tanto odiato tipo di mappa a obiettivi sarà sostituito da push, una modalità in cui le squadre combattono per controllare un robot che spinge un carico. Abbiamo anche dato un’occhiata a come sarà il gioco competitivo nel 2022 con una partita di esibizione di professionisti della lega che hanno fatto vedere il primo gameplay vero di Overwatch 2 durante l’intervallo.

I cambiamenti sono interessanti e, mentre sono ansioso di vedere come Overwatch 2 trasformerà il campionato, quell’eccitazione è mitigata dalle accuse di abuso, molestie e discriminazione mosse al suo sviluppatore, Blizzard Entertainment, e la notizia che Chacko Sonny, il produttore esecutivo di Overwatch 2, ha lasciato la compagnia.

Mentre celebro i Dragons, piango la fine dell’Overwatch originale e continuo a guardare Blizzard implodere a rallentatore. Mi viene in mente il motivo per cui sono arrivato a questo gioco in primo luogo: la sua comunità.

Non ho mai veramente partecipato a un fandom sportivo prima d’ora, eppure, mi sono aggrappato a questo eSport con una devozione così fanatica che nella lista dei tatuaggi da fare ne ho uno dedicato a uno dei miei main: l’inarrestabile musicista brasiliano Lucio. So che la Overwatch League non è mai stata sceneggiata, ma sono contento che la storia del primo capitolo della lega sia finita così.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome