banner EAG2020 Article 700×150

È l’8 aprile 2018 quando gli Outplayed alzano al cielo il loro primo trofeo competitivo su League of Legends. Appena una settimana prima avevano perso la finale della prima edizione del PG Nationals contro il Team Forge per 1-3: con lo stesso punteggio, ma ribaltato, alle finali di Roma di Lega Prima gli Outplayed si prendono la rivincita e il trofeo del torneo organizzato da GEC – Giochi Elettronici Competitivi. In quel team giocava un ragazzino di 17 anni: è Zhiqiang “Shadow” Zhao, di chiare origini cinesi ma italiano a tutti gli effetti. Ed è proprio lui che potrebbe diventare il secondo italiano nella LEC, la League of Legends Championship Series. 

Il team degli Outplayed con Shadow, il secondo da sinistra.

Già all’epoca si parlava benissimo di Shadow e di un futuro brillante. Un futuro che non si è fatto attendere. Dopo gli Outplayed si trasferisce in Spagna ai Movistars ma senza mai giocare a causa di problemi burocratici con il suo passaporto cinese. A settembre partecipa all’EU Masters 2018 Summer con il Team Atlantis, sfiorando la qualificazione alla fase a eliminazione diretta. Torna per un periodo in Cina dove si allena costantemente in una delle regioni più competitive al mondo e si fa presto notare. Al suo rientro in Europa si accasa ai Mousesports in Germania con cui vince il titolo del campionato tedesco del Premier Tour e partecipa all’EU Masters 2019 Summer arrivando fino in semifinale

 

Orome, ex Splyce con cui ha esordito nella LEC 2019

Oggi il nome di Shadow è accostato, finalmente, a un team della LEC: secondo i rumor più accreditati il jungler italiano dovrebbe diventare un giocatore dei Mad Lions, l’organizzazione che prenderà il posto degli Splyce nella stagione 2020. Nessuno annuncio ufficiale, ovviamente, ma la fonte di EsportsManiacos, una delle principali voci di questo LoLMercato, sembra essere attendibile. Nei Mad Lions Zhiqiang potrebbe inoltre ritrovare il toplaner rumeno Andrei “Orome” Popa, suo ex-compagno di squadra ai tempi degli Outplayed. Il roster si concluderebbe poi con il midlaner Humanoid e la corsia inferiore composta da Carrzy e Gistick, compagno di team di Shadow nei Mousesports.

Jiizuké, il primo e finora unico italiano nella massima scena competitiva di League of Legends

Shadow diventerebbe così il secondo italiano nella LEC dopo Daniele “Jiizuké” Di Mauro. Sul midlaner originario di Mondragone non ci sono invece rumor significativi al momento. Confermato ufficialmente il suo addio ai Vitality dopo due anni, Jiizuké non sembra ancora aver trovato una destinazione. La più probabile sembra al momento l’approdo negli Excel, almeno secondo quanto riportato da Tyler Ezberger di ESPN durante il Free Agent Live Show di lunedì scorso.

Articolo bottom

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome