banner APP ESM 700×150

Nasce a Torino il primo polo italiano dedicato agli esports. Così si definisce il sodalizio siglato da Cristiano Bilucaglia, presidente di “uBroker Srl”, la prima multicompanies italiana nata a Torino nel 2015 in grado di azzerare le bollette di luce e gas reinvestendo parte degli utili in finalità sociali di prim’ordine, ed “EVW – Egames & VR World”, Associazione sportiva piemontese nata nel novembre 2018 a Chivasso, nel Torinese.

L’idea di fondo di EVW, che oltre al presidente, Alessandro Francia, vede nel suo organico i soci fondatori Diego Francioso, Francesco Rando, Monia Braghin e Serena Cena, è quella di per volontà supportare la crescita del  gaming professionale. Un’azione che ora si fa più incisiva con il sostegno di uBroker Srl, che vuol supportare EVW nel reclutamento di nuovi e talentuosi atleti in titoli come Fortnite, Fifa, Call of Duty, Pes, Forza Motor Sport e altri. L’obiettivo è quello di arrivare in breve alla creazione di un team multidisciplinare che ambisca a primeggiare nei contest nostrani e d’oltreconfine, affiancando agli attuali membri delle squadre già in essere nuovi giocatori selezionati tra le numerose candidature provenienti da ogni parte d’Italia.

Siamo orgogliosi di annunciare questa forte stretta di mano tra ‘uBroker’ e ‘EVW’ che apre una porta verso il futuro dello sport elettronico, dando la possibilità agli atleti più promettenti di mettersi in luce e partecipare ai tornei più prestigiosi”, esordisce l’ingegnere biomedico e informatico, imprenditore e filantropo Cristiano Bilucaglia: fondatore, assieme a Fabio Spallanzani, di ‘uBroker Srl’ titolare del brand Scelgozero.it.

La nostra azienda – prosegue Bilucaglia – è un concentrato di tecnologia e di opportunità, in linea con le filosofie di interazione tra gli eGamers. Crediamo in un futuro di relazioni sempre più intense, alcune delle quali intermediate da dispositivi elettronici e da giochi collettivi che mirano a ridurre la distanza tra le persone e alla coesione tra contesti e civiltà differenti. Gli appassionati di esport interagiscono, senza barriere culturali e territoriali, con altri giocatori ovunque nel mondo. E ciò, a nostro modo di vedere, rende il mondo medesimo un posto migliore, dove le disuguaglianze si riducono in un’ottica di concreta e maggiore condivisione diffusa”, conclude il Presidente di ‘uBroker Srl’, punto di riferimento indiscusso della sharing economy in Italia già eletto ‘Imprenditore dell’Anno’ nel 2015.

“L’obiettivo – chiosa Alessandro Francia, Chairman di ‘Egames & VR World’ – è la creazione di un polo di riferimento in Italia, capace di aggregare e valorizzare i giocatori più talentuosi e performanti, in grado di rappresentare al meglio la nazione nelle competizioni di maggior prestigio anche extra moenia, contribuendo al radicamento e alla diffusione di una cultura della sana competizione agonistica anche grazie al ricorso agli sports elettronici più diffusi e in voga.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome