La divisione antitrust del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti sta esaminando la Overwatch League e la sua politica di soft salary cap che scoraggia le squadre dallo spendere cifre eccessive per i salari dei propri player.

L’indagine è guidata dall’avvocato del Dipartimento di Giustizia Kathleen Simpson Kiernan, che lavora per la Task Force di condotta civile della divisione antitrust a Washington. Secondo alcune fonti, Kiernan e altri avvocati hanno contattato e interrogato diversi ex dipendenti della Overwatch League e la natura della sua indagine non è criminale.

Al centro dell’indagine c’è la mancanza di un sindacato dei giocatori, che consentirebbe alla Overwatch League di richiedere una “esenzione non legale del lavoro”. Tale status è stato concesso alla NFL, alla NBA e ad altri campionati sportivi professionisti che hanno dei sindacati. L’esenzione deriva da un caso della Corte Suprema degli Stati Uniti del 1965, Amalgamated Meat Cutters v. Jewel Tea Co., che ha affermato che gli “accordi sindacali-datori di lavoro” sono al di fuori della portata dello Sherman Act del 1890, il punto di riferimento della legislazione antitrust.

Il team di Kiernan ha anche contattato Activision Blizzard, l’operatore della Overwatch League. Di conseguenza, Activision Blizzard ha comunicato ai dirigenti delle squadre di non manomettere o distruggere le informazioni relative agli stipendi dei giocatori, misura di routine adottata in caso di indagine governativa.

“Abbiamo ricevuto un’inchiesta di informazioni dal Dipartimento di Giustizia e stiamo collaborando di conseguenza“, ha dichiarato un portavoce di Activision Blizzard Esports. “Offriamo intrattenimento epico ai nostri fan e supportiamo i nostri giocatori e le nostre squadre nella produzione dei campionati di eSport più competitivi e divertenti al mondo”.

Nel 2020, secondo fonti della lega, la soglia del tetto salariale è stata pari a 1,6 milioni di dollari. Se una squadra superava tale importo negli stipendi annuali dei giocatori, l’organizzazione doveva pagare gli stipendi e un importo pari al doppio dell’eccesso alla lega come tassa “di lusso”.

Ciò significa che ogni dollaro al di sopra del limite di 1,6 milioni costava a una squadra il doppio, impedendo alle organizzazioni di offrire stipendi enormi. Quella tassa sul lusso sarebbe stata poi distribuita tra le squadre non incriminate. Ci sono poche squadre che hanno mai superato naturalmente questa soglia in base agli stipendi standard di mercato per i giocatori professionisti di Overwatch, hanno detto le fonti.

I dettagli specifici del soft salary cap della Overwatch League non sono mai stati divulgati al pubblico dai funzionari della lega. Un rapporto di Dexerto dell’agosto 2019 includeva un promemoria che menziona una “tassa sul saldo competitivo” e citava due tweet ora cancellati del settembre 2018 dell’allora direttore generale di London Spitfire Susie Kim che confermavano la tassa.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome