banner RoundOne 700×150

Partito il Pg Nationals con i vice-campioni in carica che vincono e convincono, pronti a riprendersi il trono.

Nella giornata di esordio del Summer Split del Pg Nationals di League of Legends, il campionato italiano organizzato da Pg Esports, non ci sono state eccessive sorprese con le favorite che hanno vinto tutte anche se, sul livello delle prestazioni, ci sono state nette differenze con solamente i Macko, vice-campioni in carica, che hanno espresso un’idea di gioco già collaudata e ben indirizzata, permettendo loro di avere la meglio su degli Esport Empire ancora “spuntati” a causa dell’assenza del midlaner titolare. Il dato più interessante da registrare è però il risultato ottenuto da Luca “Brizz” Brizzante, co-head coach degli Outplayed ma sorpattutto un volto di riferimento per gran parte della community di League of Legends. 

I numeri di Brizz

Brizz ha portato il co-streaming della partita degli Outplayed, la prima della giornata, in diretta sul proprio canale registrando un picco di oltre 8.000 spettatori con un media decisamente vicina a tale cifra. Questo dato è la dimostrazione che esistono delle persone potenzialmente abituate al competitivo italiano ma di cui ne ignorano l’esistenza o non hanno interesse a seguirlo nel modo “tradizionale”. Altro dato è che non sono spettatori “rubati” alla diretta ufficiale sul canale di Pg Esports, che si è invece attestata su cifre superiori ai 2.000 spettatori, poi salito oltre 5.000 e attestatosi intorno ai 3.500 dopo il reindirizzamento di Brizz al canale di Pg Esports. Numeri che per questa prima giornata sembrano più che interessanti ma che vanno attenzionati per comprendere se e quanto rimarranno costanti.

Spettacolo Outplayed, Axolotl… quasi

A contribuire ai numeri di Brizz è stata anche la prima partita della giornata tra Outplayed e Axolotl. Un match che sulla carta sembrava dovesse essere abbastanza semplice per una delle candidate alla vittoria finale ma che si è invece trasformata in una delle partite più spettacolari della giornata con gli OP che hanno subito l’aggressivo early game degli Axolotl, orfani del support titolare Tinelli. Gli assolotti, non riuscendo però a trovare un vantaggio concreto nel mid-game in termini di strutture e risorse, hanno poi subito il ritorno degli OP e di un campione come Gangplank, nelle mani di Stenbosse, che nel mid-late game è diventato devastante. Complice anche la combinazione di campioni tra Kog’maw e Lulu che ha impedito da un certo momento in poi al Rengar avversario di poter eliminare in tempi brevi il carry degli OP.

Macko già rodati

Perfetti invece i Macko, chiaramente il team che ha lasciato la migliore impressione, definendo una propria identità di gioco, del tutto simile a quella dello Spring nonostante siano cambiati due interpreti, a dimostrazione che nella loro squadra l’idea di gameplay conta più dei giocatori, per buona pace degli Esport Empire. Sorprendono i Samsung Morning Stars, nonostante la sconfitta: il match contro gli Atleta, campioni in carica, ha fornito indicazioni confortanti sulle potenzialità del roster che ha mantenuto solo Counter in botlane dopo lo sfortunato Spring Split chiuso con 0 vittorie.

Attualmente gli Sms sono alla loro diciassettesima sconfitta consecutiva: l’ultima vittoria risale a quasi un anno fa, il 22 luglio 2021, nel secondo game della serie playoff contro i GG Esports. Atleta ancora arrugginiti ma è solo questione di tempo, necessario per riprendere la mano e far integrare il nuovo arrivato Baloo. Infine i Cyberground, vittoriosi sui Gg Esports con tre quinti del roster che ha fatto la fortuna proprio dei secondi; una partita tesa, in bilico quasi fino agli ultimi minuti, fino al fight decisivo al Drago Maggiore che ha consegnato la vittoria ai palermitani Cyberground Gaming, i quali hanno però ancora molto su cui lavorare se vogliono ambire alla zona playoff.

Il Pg Nationals ritorna l’8 giugno 2022 a partire dalle 19:00 sul canale Twitch Pg_esports_lol.

banner RoundOne 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome