banner APP ESM 700×150

Un servizio dirompente, un 2019 in ascesa nella classifica Atp e ora anche un discreto fiuto per gli affari. Taylor Fritz, 22 anni, astro nascente del tennis USA, numero 25 al Mondo si racconta su Forbes e si sofferma sulla sua passione per videogiochi ed esports, che lo hanno portato, a metà dicembre, a entrare in ReKTGlobal, società madre di Rogue.

Il nazionale statunitense (quest’anno ha giocato la Coppa Davis, il trofeo a squadre più famoso nel mondo del tennis) ha dimostrato sempre entusiasmo per il gioco elettronico competitivo: “Sono l’investitore più giovane ad entrare in ReKTGlobal. È un sogno diventato realtà investire in questa organizzazione, mentre l’industria degli esports continua a crescere e diventa mainstream”.

Un maestro della racchetta che non disdegna Call of Duty e Fortnite e porta la Playstation sempre con se’ per riempire i buchi della sua attività agonistica. Un ragazzo di 22 anni che ha davanti agli occhi il più classico sogno americano. E’ già marito e padre di un bimbo e non stacca mai gli occhi dal business e dal futuro: “Penso che sia importante fare buoni investimenti e prepararsi al momento in cui la carriera sarà finita. Quando ho visto parte dei soldi che gli atleti avevano guadagnato attraverso investimenti e iniziative in altre società, mi sono detto che avrei dovuto farlo anche io. Quello negli esports è l’investimento più divertente che ho fatto”, ha detto Fritz a Forbes.

ReKTGlobal ha in seno Rogue, un Team che partecipa a tornei di diversi giochi, tra cui League of Legends e Fortnite, e London Royal Ravens, una lega di Call of Duty. L’investimento dello sportivo californiano parte dal presupposto della crescita di Overwatch nell’ultimo triennio: pensa che lo stesso destino debba toccare alla nuova Lega COD. Fritz si rilassa davanti alla console e preferisce divertirsi davanti allo schermo piuttosto che stancarsi a fare il giro delle città in cui disputa tornei. Non è l’unico: in precedenza avevamo già raccontato la passione per gli esports di Gael Monfils. E dal relax al portafogli il passo è breve.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome