banner EAG2020 Article 700×150

Carlos “Ocelote” Rodriguez non ha solo fondato un nuova squadra: ha creato un brand totalmente da zero in pochi anni e lo ha portato a competere, non solo sul campo ma anche nell’affetto dei tifosi, alla pari con squadre e team presenti da molto prima. Indubbiamente merito della sua forte personalità ma anche dei giocatori e delle squadre che ha saputo costruire. Su League of Legends nel 2019 ha realizzato uno dei migliori roster che siano probabilmente mai esistiti nella scena mondiale, oltre che europea. Ne sono dimostrazione i due titoli LEC conquistati nello Spring e nel Summer e, ovviamente, la vittoria dei G2 Esports al Mid-Season Invitational, riportando l’Europa sulla vetta del mondo. 

Risulta chiaro, fatta questa premessa, che le aspettative per i Worlds 2019 appena cominciati a Berlino siano altissime per i G2, indicati da tutti come i favoriti numero uno per la vittoria del trofeo. Lo sanno bene i giocatori e lo sa bene in particolare Martin “Jankos” Jankowski, il jungler della formazione, che si è detto in realtà preoccupato di come stia procedendo la preparazione al mondiale in casa G2. Durante una sua personale diretta streaming il giocatore polacco ha ammesso che avrebbero sottostimato i roster coreani e cinesi e che abbiano pertanto poi trovato delle difficoltà significative nei primi allenamenti con queste squadre. 

“Chiunque continua ad affermare che i team occidentali avranno serenamente la meglio sui team orientali. Vi posso garantire che non sarà così semplice: ci stiamo allenando parecchio contro le squadre asiatiche e stiamo facendo molta più fatica di quanto avevamo previsto nel tenergli testa.”

Jankos con il suo compagno di squadra Perkz

Da parte di Jankos arriva anche un’ammissione di superficialità: “Siamo stati troppo sicuri di noi. Pensavamo di essere molto più avanti rispetto a loro a livello di gameplay.” Parole di rispetto e di consapevolezza dei propri possibili errori per il giocatore che è stato eletto MVP del Summer Split. È anche un segnale di maturità per il giocatore che ha sulle spalle la responsabilità di tenere unita la squadra con il compito fondamentale di fare da collante tra i talenti dei G2 Esports: tra Wunder in toplane, Caps in midlane e la coppia Perkz-Mikyx bisogna saper essere fenomeno tra i fenomeni. 

I G2 Esports esordiranno il 12 ottobre. Inseriti nel Gruppo A con Griffin, Cloud9 e una delle vincenti dei Play-In. Un girone che sembra assolutamente alla portata ma che nasconde infinite insidie. 

 

Articolo bottom

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome