Articolo top

Sì, mettere “eSports” e “anni ’80” nella stessa frase è un po’ una forzatura, anche se già allora c’era chi giocava e organizzava tornei mentre molti di noi erano bambini (o non c’erano ancora). Bambini come coloro che ora, divenuti adulti e padri di famiglia, mantengono viva la passione per il retrocomputing, il retrogaming, la programmazione dei primi computer domestici. Amiga, Commodore64, Amstrad, MSX o Nintendo, Sega MegaDrive e molto altro, sempre caldi nel bagagliaio, pronti a girar l’Italia per organizzare mostre, eventi e tornei. Questo è Retroacademy, un progetto nato in Veneto da un’idea condivisa da quattro amici.

TORNEI RETRÒ – Fabrizio Radica, Alessandro Bulgarelli, Nicola “Koney” Pedrocco e Francesco Sblendorio, sono questi i quattro pilastri di Retroacademy. Si tratta di quattro amici che hanno fatto nascere un gruppo che porta in giro per lo Stivale anche tornei di “vecchi” giochi, come Street Fighter 2 (picchiaduro uscito nel 1991, ora la serie è arrivata al capitolo 5) o addirittura Pong (del 1972, uno dei primi videogiochi commercializzati); ma anche giochi e giocattoli che arrivano dritti dagli anni ’80 e ’90, già,  dal secolo scorso. “E capita spesso – racconta Fabrizio Radica, il portavoce – che avvicinandosi con i figli per mano, poi siano proprio i padri a tornar bambini, a sedersi davanti al joystick per fare una partita come quelle di un tempo.”

NELLE SCUOLE – Ma il gruppo non si occupa solo di eventi. Da ottobre scorso è stata avviata (in provincia di Padova) una serie di incontri, corsi e workshop rivolti ai ragazzi di scuole medie e superiori. Utilizzando i “potenti” Commodore, Spectrum o Amstrad dell’epoca gli esperti di RetroAcademy parlano con i giovani di programmazione, gamedesign, ragionamento e logica, partendo dalla storia informatica del periodo d’oro fino ai giorni nostri con strumenti e tool di programmazione moderni realizzando progetti concreti “attraverso l’arte del coding”, come la definiscono in Retroacademy.

VOXXED DAYS – E proprio Retroacademy, tra qualche settimana (il 13 aprile prossimo), sarà a Milano, ospite di Voxxed Days, un evento dedicato a tutti i tecnici del settore informatico, volto a introdurre gli argomenti più nuovi e più importanti dal mondo dello sviluppo, con sessioni di CloudBig DataIAroboticalinguaggi di programmazioneJava e sicurezza. Fa parte di una serie internazionale di eventi di un singolo giorno e si terrà per la prima volta in Italia a Milano. A Voxxed Days Retroacademy allestirà un vero e proprio “stand museale”, alcune riproduzioni di postazioni di lavoro “casalinghe” degli sviluppatori degli anni ’80 e ’90, utilizzando hardware reale dell’epoca, in funzione e a disposizione per essere provato. Per altre info si può visitare il sito di RetroAcademy, volutamente un po’ retrò, ma ricchissimo di informazioni.

Articolo bottom

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome