Esports e scommesse al centro (anche) del Digital Summit di Sbc, l’evento virtuale svoltosi dal 27 aprile al 1 maggio, che propone un programma completo incentrato sulle sfide e le opportunità che l’industria del gaming deve affrontare alla luce delle perturbazioni causate alle imprese e alla società in generale dalla pandemia di Covid-19.

Uno dei pochi eventi competitivi che è stato in grado di continuare durante questo focolaio, come noto, è rappresentato dalle competizioni dei videogame. Ovvero gli esports, oggi sempre più al centro dell’attezione di pubblico, media e bookmaker. E mentre alcune società di scommesse hanno già riscontrato importanti successi in questo mondo, alcuni sono ancora un po’ riluttanti nell’abbracciare questa disciplinca. Per varie ragioni, che sono state discusse nell’evento di Sbc, di cui eSportsMag.it è media partner ufficiale, con il primo giorno della conferenza online dedicato proprio a questa materia, con il panel dal titolo: “Esports – Let’s get digital”, che ha coinvolto alcuni leader del settore chiamati a condividere le loro conoscenze ed esperienze sul campo. La discussione è stata moderata da Andrea McGeachin, Cco di Neosurf, una società di pagamento che ha puntato forte sull’industria degli esport.

Sergey Portnov, Ceo di Parimatch, ha spiegato che la sua azienda ha iniziato con le scommesse sugli esport assumendo esperti che hanno guidato una trasformazione completa del business. “Se non hai una forte conoscenza degli esports all’interno dell’azienda, specialmente se sei un bookmaker tradizionale, è impossibile trasformare la tua attività in questo segmento”. Parimatch è ora diventato un sito internazionale che sta servendo con successo l’arena degli esports in tutto il mondo. “È lo sport top 5 per noi in tempi normali, proprio dietro a tennis e calcio ma durante il lockdown, gli esport hanno raggiunto le prime due posizioni”, ha aggiunto.

Dello stesso avviso anche Paris Smith, Ceo di Pinnacle, che ha spiegato quanto sia importante avere qualcuno molto appassionato all’interno dell’organizzazione per approfondire gli sport: “In Pinnacle, l’esport che fa parte del nostro successo”, ha spiegato. “Senti molte aziende che affermano di non pensare che gli esport decolleranno e chiaramente non hanno un analista all’interno dell’organizzazione che fornisca loro i dati che tutti noi riceviamo dalle persone che hanno verità, vera passione”. Pinnacle Solution è stata una delle prime aziende a esplorare lo spazio delle scommesse sugli esport, e a ragione.

Pavol Krasnovsky, fondatore e Ceo di RTSmunity, un market maker per gli esport per Betfair e fornitore di quote, affrontando l’impatto della pandemia sul turnover degli esport, ha spiegato che tutti i principali eventi sportivi tradizionali sono stati posticipati e che gli esport sono stati in grado di adattarsi molto rapidamente alla nuova situazione: “Osserviamo una crescita del fatturato di oltre dieci volte rispetto a lo stesso periodo (le ultime cinque settimane) dell’anno scorso”, ha spiegato il consulente. “Vediamo anche un enorme aumento del fatturato sulla piattaforma di scambio Betfair, in quanto le società commerciali che di solito commerciano tennis, calcio o altri giochi tradizionali, hanno una nuova capacità gratuita e quindi hanno iniziato a commerciare gli esport.”

“Il volume è aumentato, il numero di partner, il numero di giocatori e il numero di scommesse sono aumentati”, ha aggiunto Smith. “Potrebbe essere sistemico il fatto che le persone siano molto a casa, ma penso che terremo i giocatori conquistati oggi”.

Il tema integrità – Smith ritiene inoltre che Pinnacle ha anche colto l’occasione per aumentare la qualità e la quantità del loro prodotto e rafforzare l’integrità. In risposta a questo problema, Krasnovsky ha spiegato che negli sport tradizionali come il calcio, il 60 percento delle entrate della squadra proviene dai diritti dei media, mentre nel caso degli esport, questa cifra è inferiore al 5 percento poiché la maggior parte delle loro entrate proviene dal marketing. Ciò significa che l’organizzazione deve essere eccezionale in termini di integrità perché se si dispone di integrità, le entrate aumentano immediatamente dai propri sponsor.” Portnov si è concentrato in particolar modo sul fatto che, secondo lui, gli esport oggi non possono avere successo da soli.

“I marchi di esport autonomi non potranno mai competere con i grandi che si fondono con un unico grande ecosistema in termini di entrate”, ha spiegato. “Forse arriverà il momento in cui gli esport potranno essere completamente indipendenti, ma da quello che vedo in Parimatch, credo ancora che gli esport dovrebbero far parte di un vasto portafoglio che comprende sport tradizionali”.

Dello stesso avviso anche Smith: “È interessante il modo in cui le società di sport unici affermano che i concorrenti che praticano sport tradizionali non sono in grado di offrire una vera esperienza”, ha affermato. “Penso che l’obiettivo di un’azienda che offra sport tradizionali sia quello di utilizzare la propria infrastruttura e il proprio ridimensionamento per essere in grado di fornire un prodotto esports adeguato”.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome