Prima riunione operativa del neonato comitato consultivo tecnico per gli esport del Nevada, che compie il primo passo verso l’ulteriore spostamento dello Stato nel mondo degli sport elettronici, discutendo le migliori pratiche per la sua esecuzione.

Un comitato tecnico, con potere consultivo, costituito da otto membri per studiare e valutare i possibili sviluppi – e tutte le relative implicazioni – del settore degli esports. E’ quello che è stato appena costituito in Nevada, il paese di Las Vegas e della celebre arena dedicata agli sport elettronici, che ha tenuto la sua sessione inaugurale questa settimana, ascoltando quattro esperti su vari aspetti degli esports. Si tratta dell’Esports Technical Advisory Committee e a guidarlo è il presidente del comitato Paul Hamilton il quale, , come riportato dal Las Vegas Review-Journal, si aspetta che il Nevada diventi il “gold standard” per la regolamentazione degli esports. Spiegando che si aspetta che la ricerca dei fatti e la raccolta di dati e informazioni continueranno nella prossima riunione del gruppo. Mentre i membri del comitato inizieranno a formulare raccomandazioni al Control Board e alla Nevada Gaming Commission. “Penso che ci vorrà un po’ di tempo, ma credo anche che gli incontri inizieranno probabilmente a trasformarsi in commenti e discussioni tra il consiglio su come andare avanti. Siamo d’accordo con ciò che stiamo ascoltando e, in tal caso, cosa significa in realtà? L’obiettivo finale è quello di regolamentare gli esport e di poterci scommettere in sicurezza”.

Uno degli esperti che si è rivolto al comitato ha spiegato le circostanze che devono essere considerate affinché giocatori, giocatori d’azzardo e casinò si sentano al sicuro. Secondo Ian Smith della Esports Integrity Commission, un’associazione senza scopo di lucro costituita nel 2015 che lavora per indagare e prevenire tutte le forme di imbroglio, ci sono quattro modi in cui le persone possono imbrogliare negli esports: vincere usando il software, attacchi online per rallentare o disabilitare un avversario, partite truccate e doping.
La Esports Integrity Commission ha raccomandazioni su come combattere gli imbroglioni, incluso il divieto agli imbroglioni dalla partecipazione futura e convincere i giocatori a unirsi all’associazione per l’integrità.
“La volontà di sottoperformare deliberatamente – partite truccate o truccate per commettere frodi sulle scommesse – è stata poco compresa e gestita solo se smascherata da terze parti”, afferma Smith, e ha sottolineato che il 92 percento delle partite truccate è determinato da frodi sulle scommesse. Aggiungendo che la maggior parte delle lamentele sulle partite truccate arriva contro partecipanti provenienti dalla Cina o dall’Europa orientale. L’attuale regolamentazione in Nevada autorizza le scommesse sugli esports in base all’evento. Ciò richiede agli operatori di presentare una domanda al Gaming Control Board per la verifica e l’approvazione per ogni competizione.

Nel 2020, le autorità di regolamentazione del Nevada hanno approvato un record di 12 eventi e campionati di eSport per le scommesse su una varietà di titoli di giochi, tra cui Dota 2, iRacing, League of Legends, Overwatch e Call of Duty. Gli operatori autorizzati possono accettare scommesse su tre tipi di scommessa: testa a testa, vincitore della partita e vincitore assoluto.

L’Esports Technical Advisory Committee si riunirà trimestralmente e i suoi membri rimarranno in carica fino a novembre 2024. I membri includono dirigenti di Unlv – International Gaming Institute, Penn National Gaming, Allied Esports e altri.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome