Un’ex dipendente di Riot Games ha portato in tribunale la società e il suo amministratore delegato Nicolas Laurent in una nuova causa sostenendo di essere stata vittima di molestie sessuali e discriminazione di genere che hanno portato al suo licenziamento. La causa (un fascicolo di 18 pagine) presentata dall’ex assistente esecutivo Sharon O’Donnell presso la Corte Superiore della contea di Los Angeles a gennaio, afferma che Laurent ha creato un “ambiente di lavoro ostile” assumendo in una serie di comportamenti scorretti facendo avances sessuali indesiderate, facendo commenti umilianti e chiedendo alla querelante di viaggiare con lui e lavorare con lui a casa sua quando sua moglie non era presente. Queste sono solo alcune delle numerose accuse elencate nella denuncia.

O’Donnell afferma di essere stata privata di qualsivoglia ruolo di responsabilità quando ha respinto queste avances e alla fine è stata licenziata nel luglio 2020. O’Donnell ha lavorato con lo sviluppatore di League of Legends e Valorant da ottobre 2017 a luglio 2020. Un portavoce di Riot in una dichiarazione al Washington Post ha negato le accuse, sostenendo invece che O’Donnell è stata licenziata per giusta causa. “La querelante è stata licenziata dalla società più di sette mesi fa sulla base di diversi reclami ben documentati di diverse persone. Qualsiasi altra teoria è semplicemente falsa”, ha detto il portavoce in una dichiarazione. In un follow-up ha aggiunto che O’Donnell “è stata licenziata a seguito di più di una dozzina di reclami da parte di dipendenti e partner esterni”.

Riot Games ha anche affermato che sta indagando sulle accuse contro Laurent attraverso una terza parte esterna. La causa di O’Donnell fa seguito a un tentativo legale di Riot della fine di gennaio che voleva costringere i querelanti di una causa legale per discriminazione di genere risalente al 2018 a passare attraverso un arbitrato individuale. La causa doveva risolversi alla fine del 2019 con un risarcimento di 10 milioni di dollari ma dopo che diverse agenzie del lavoro della California hanno affermato che le donne coinvolte potevano avere diritto a oltre 400 milioni, le querelanti hanno assunto una nuova rappresentanza legale per perseguire ulteriormente la questione. Il risarcimento non è stato ancora pagato.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome