Activision sta adottando misure sempre più aggressive per smantellare i cheater. L’ultima pulizia ha portato al ban di più di 60mila giocatori da Call of Duty: Modern Warfare, Black Ops Cold War e Warzone. Si dice che il publisher sti adottando misure più severe dopo che popolari YouTuber e streamer hanno detto che avrebbero abbandonato il battle royale. Martedì Activision ha annunciato che più di 300mila account sono stati banditi per l’utilizzo di cheat da quando Warzone è stato lanciato nel marzo del 2020. Lo sviluppatore di Warzone ha anche affermato che i team legali dell’azienda stanno prendendo di mira i distributori dei vari codici che consentono di barare, prendendo di mira il problema dei cheat di Call of Duty su più livelli.

“Sappiamo che i cheater sono costantemente alla ricerca di vulnerabilità e continuiamo a dedicare risorse 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per identificarli e combatterli, inclusi aimbot, wallhack, trainer, hack stat, hack texture, hack delle classifiche, editor esadecimali e qualsiasi software di terze parti che viene utilizzato per manipolare i dati di gioco o la memoria”, ha scritto Activision sul suo blog ufficiale di Call of Duty. L’editore ha anche affermato che Raven Software, lo studio dietro la maggior parte dello sviluppo del battle royale, assumerà il compito di lavorare sugli “sforzi di sicurezza” del franchise. Lo studio fornirà aggiornamenti mensili sui loro progressi nell’affrontare il problema dei cheat in Modern Warfare, Black Ops Cold War e Warzone.

Call of Duty: Warzone ha avuto un dilagante problema di hacker da quando è stato rilasciato. Activision ha dovuto bannare 50.000 account già nelle prime cinque settimane dal lancio del gioco. L’editore ha aumentato le misure anti-cheat e ha implementato un sistema di autenticazione in due fasi nel corso dell’anno, anche se, visto il protrarsi della situazione, deve essere stato relativamente facile aggirare i controlli. La comunità di Warzone ha implorato Activision di fare di più ma il problema, che Infinity Ward ha descritto come una “corsa agli armamenti”, continua ad affliggere il gioco. I giocatori sono stufi delle promesse di Activision perché hanno visto ben poche misure provenire da uno dei più grandi publisher di videogiochi del mondo. Questa volta le cose sono un po ‘diverse in quanto il popolare YouTuber Vikram “Vik” Barn, che ha milioni di iscritti, ha detto che lascerà Warzone a causa dell’elevato numero di cheater. Barn dice che ora ha una “linea di comunicazione aperta” con Activision sul problema dopo il suo annuncio.

“Incrociamo le dita per qualche cambiamento positivo”, ha twittato. Warzone ha avuto un enorme successo su piattaforme come Twitch e YouTube, ma non è un buon segno vedere i principali streamer passare a giocare qualcos’altro. Questa potrebbe essere la spinta di cui Activision aveva bisogno per investire più risorse nella lotta ai cheater.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome