banner RoundOne 700×150

Poche, pagate di meno ed escluse dai team di gioco o dal ruolo di allenatrici. Nel nuovo appuntamento con la rubrica dedicata alle donne degli esports proviamo a sintetizzare alcune delle principali proposte per cercare di porre rimedio al gender gap che affligge il settore degli esports. Non si tratta di soluzioni definitive, ma di piccoli passi da tentare per provare ad avviare un cambiamento e, come tali, sono suscettibili anche a critiche o modifiche.

“Complice l’allentamento delle misure d’emergenza e un progressivo ritorno alla normalità, ci saremmo aspettati di registrare un rallentamento e invece celebriamo un nuovo risultato estremamente positivo per tutto il comparto”, ha detto Marco Saletta, Presidente di Iidea. “Analizzando i dati dell’ultimo rapporto presentato dall’associazione è evidente che stiamo assistendo ad un progressivo aumento della presenza dei videogiochi nella quotidianità di milioni di italiani”.

L’Ice London Esports Arena, allestita all’interno della fiera globale del gaming, ospiterà un torneo della Rocket League con un montepremi di ben 25mila sterline.

Dalle serie cadette a protagonisti della scena competitiva, fino alla collaborazione con la Fiorentina nella eSerieA: ecco chi sono Esport Empire e Hexon nella prima puntata della nuova serie di interviste con i soci Iidea.

In seno al Coni proseguono i lavori del Comitato promotore e-sport e le federazioni sportive nazionali interessate agli sport virtuali. La prossima settimana è in programma un nuovo appuntamento con 11 nuove federazioni interessate ad approcciare il mondo dei videogame. E c’è pure qualche nome che può lasciare sorpresi.

banner RoundOne 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome