Quando Fortnite di Epic Games è uscito nel 2018, è diventato un fenomeno culturale diverso da qualsiasi cosa avessimo visto prima. Sia i bambini che gli adulti sono rimasti affascinati dalle emote e dai balli rappresentati all’interno del gioco. Ora, dopo aver inizialmente dato popolarità al titolo con un evento eSportivo da 100 milioni di dollari, i premi in denaro sono scesi di anno in anno e con il 2021 hanno raggiunto il minimo storico minando alla base il morale dei giocatori di eSport. Tuttavia, dopo aver inizialmente investito solo 17 milioni di dollari nella Fortnite Champions Series del 2020, Epic Games ha aggiunto altri 3 milioni per il 2021. Prima dell’aggiunta dei fondi per la prossima stagione competitiva, in particolare la Fortnite Champions Series, alcuni professionisti della scena avevano espresso le loro preoccupazioni su quella che percepivano come una riduzione dei premi in denaro (poiché Epic Games non aveva annunciato formalmente un montepremi per il 2021).

L’ex giocatore professionista di Fortnite dei Cloud9 Christian “Criz” Rizk ritiene che non era necessariamente l’aggiunta di fondi quello che lui e altri giocatori di alto livello stavano chiedendo a Epic, ma è una dimostrazione di comprensione dei problemi di integrità competitiva che in precedenza avevano attirato l’attenzione di Epic Games. “Penso che l’annuncio sia stato davvero un buon passo avanti, soprattutto perché stanno vietando cose come Shockwaves, rift fish, ecc.”, Ha detto Rizk. “Penso che i cambiamenti siano grandiosi, ma la cosa più importante per me è stata la ragione dei cambiamenti: hanno detto di voler continuare ad ascoltare e migliorare con il feedback della comunità su molti cambiamenti. Penso che il post sul blog abbia dimostrato che possono superare i loro difetti del passato e, si spera, rendere il futuro degli eSport e di Fortnite migliore e più trasparente”.

Uno dei più importanti allenatori di Fortnite della scena, Arab (vero nome sconosciuto), che ha allenato molti giocatori di alto livello, è d’accordo. “Fortnite sta andando nella giusta direzione dopo il post sul blog di Epic: rimette il gioco a uno stato che richiede davvero di pensare. Ascoltare le voci dei giocatori e rimuovere l’FNCS dalle console è sicuramente la mossa giusta”, ha detto Arab. “Penso che spostare tutti i soldi alle finali sia il modo in cui dovrebbe essere, ma penso che il prossimo passo per Epic sia darci un sistema di qualificazione non basato sul denaro, un sistema in cui le persone vogliono macinare ore su ore per essere le migliori e non per fare più soldi”. Quindi, mentre l’aggiunta di 3 milioni di dollari in fondi era importante per i giocatori, non era il cambiamento più importante che i giocatori volevano vedere. I professionisti di Fortnite sembrano davvero voler soltanto una voce nel plasmare l’ecosistema competitivo di Fortnite e con quest’ultima novità di Epic, le cose sembrano andare nella giusta direzione.

Resta ancora da affrontare il problema dei giocatori emergenti. Un montepremi distribuito solo ai migliori player che si qualificano per le finali non incentiva nuovi giocatori a tentare la via del professionismo. Per vincere ai migliori tornei di Fortnite è indispensabile un regime di allenamento quotidiano ed estensivo, è quasi un lavoro a tempo pieno. É anche ovvio che un giocatore ai suoi primi tornei non può sperare di arrivare molto in alto in classifica contro dei veterani che da diversi anni popolano la scena competitiva. Negare una ricompensa in denaro anche ai gradi precedenti alle finali nelle qualificazioni non farà altro che allontanare sempre di più i top player dalla base scollando l’eSports di Fortnite dal resto della playerbase. Sta ad Epic rispondere in modo appropriato anche alle preoccupazioni degli emergenti senza considerare solo le opinioni dei migliori.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome