banner RoundOne21 Article 700×150

Chiunque sia stato in giro abbastanza a lungo da capire cosa ha attraversato l’hip hop per diventare il fenomeno della cultura pop incredibilmente influente, redditizio e giovanile che è oggi, può facilmente capire cosa sta attraversando il gaming, anche se non è un giocatore. L’hip hop e i videogiochi sono guidati dalla cultura giovanile, dall’autenticità, dalla competitività e dalla speranza di avere successo nel farlo. Entrambi sono fraintesi e sottovalutati dalla cultura mainstream e soprattutto dai genitori.

Entrambi sono ben consapevoli della propria grandezza, anche se gli altri non la vedono. Entrambi sono modi in cui i ragazzi svantaggiati (soprattutto nel mondo anglosassone) possono uscire dal ghetto, ma quasi nessuno lo riconosce, supporta o evidenzia questo aspetto quando si parla di gaming. Il gioco è la nuova via d’uscita dal quartiere e dalla strada; un modo legittimo e sicuro per guadagnarsi da vivere. Per alcuni poi, è una vita davvero redditizia. Proprio come l’hip hop. Ci sono così tanti marchi, aziende e genitori che non riconoscono l’immenso valore e il potenziale che il gaming può offrire. E, proprio come l’hip hop, viene ignorato, minimizzato e persino mancato di rispetto. Senza menzionare la moltitudine di videogiochi che hanno incorporato la musica hip hop nelle loro colonne sonore, o la musica che ha usato o ha fatto riferimento ai videogiochi. Il gaming, volente o nolente, fa parte della cultura.

“Per anni abbiamo considerato lo sport o l’hip hop come modi legittimi per fare soldi per uscire dal ghetto – ha detto Clinton Sparks – produttore musicale con diversi dischi di platino, streamer e imprenditore del gaming – ma ora abbiamo un nuovo modo che non solo è più sicuro ma molto più probabile che ti porti successo e ti faccia guadagnare soldi più velocemente. Recentemente ho conosciuto un ragazzo ad Atlanta la cui famiglia stava lottando con fatture scadute e sarebbero diventati senzatetto se non si fosse qualificato per la Coppa del Mondo di Fortnite, vincendo 50mila dollari dalla sua camera da letto e salvando la sua famiglia. Quindi, che si tratti di entrare a far parte di un’organizzazione, trasmettere in streaming, costruire una base di fan online, partecipare a tornei o creare contenuti e prodotti che puoi monetizzare, ci sono molti modi per fare soldi nello spazio del gaming. Proprio come l’hip hop”.

“Ho visto l’hip hop evolversi nel corso della mia vita dall’essere usato come evasione dalla propria realtà a un modo per esprimersi e diffondere un messaggio – continua – costruire una comunità o usarlo come forma di intrattenimento. Ho anche visto le interpretazioni errate e le incomprensioni delle persone su coloro che fanno hip hop. Proprio come ho visto l’industria del gaming evolversi dal un semplice strumento di evasione della realtà a un modo per esprimersi e diffondere un messaggio, costruire una comunità e fare intrattenimento”.

L’industria globale dei videogiochi ha prodotto circa 180 miliardi di dollari nel 2020, più degli sport e dei film in tutto il mondo. Ora che il gaming è penetrato nella cultura pop tradizionale con l’aiuto di momenti incredibili come il concerto di Travis Scott su Fortnite, Lil Nas in Roblox e rapper come Offset e Swae Lee che investono e si uniscono a un’organizzazione di eSports (di conseguenza attirando più attenzione dei media). Il gaming, poi, subirà presto gli stessi goffi tentativi di marchi e aziende che cercano di utilizzare la sua popolarità per modernizzare i loro prodotti e renderli attrattivi per i giovani. Proprio come l’hip hop.

Per anni, tutto è stato influenzato dall’hip hop: dal marketing al branding, dalla moda fino alla politica. Presto il mondo sarà potentemente influenzato dal gaming, lo abbiamo visto con la pandemia e tutte le ripercussioni che ci sono state. I genitori e i marchi una volta denunciavano l’hip hop dicendo che “non è musica” o “è troppo violento”, quando i giovani non volevano fare altro perché si sentivano rappresentati e capiti dai loro pari. L’hip hop ha costruito aziende enormi e ha reso molti ricchi. Ha superato i dubbiosi, gli haters e gli oppositori ed è stato utilizzato per aiutare a educare. Ha unito le persone e ha forgiato amicizie durate una vita. Ha dato potere ai ragazzi che si sentivano soli o abbandonati e ha aiutato molte persone a costruire carriere di grande successo. Proprio come il gaming. Per oltre 30 anni, l’hip hop ha dato speranza e un modo per farcela. Oggi, una console da gaming può fornire la stessa speranza e opportunità.

Il gaming è il nuovo hip hop.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome