Per anni, i videogiochi competitivi hanno fatto del loro meglio per imitare gli sport professionistici, che si tratti di giocatori che indossano magliette brandizzate Nike, grandi investitori, coinvolgimento di celebrità o piani ambiziosi per partite in casa e fuori. Ma Chris Greeley, commissario della League of Legends Championship Series, la massima lega professionistica del gioco in Nord America, ritiene che gli eSport siano andati oltre l’imitazione degli sport esistenti. “All’inizio avevamo questa idea che, visto che gli eSport sono uno sport e volevamo essere presi sul serio, avremmo dovuto sembrare uno sport”, ha detto. “La LCS sembrava l’NBA ed è stato fantastico per la validazione economica del nostro business, per gli investitori e gli sponsor. Ora è tempo di andare oltre questa semplificazione ed essere davvero noi stessi”.

Per questo, a partire dal 2021, il campionato sta apportando grandi cambiamenti, sia in termini di aspetto che di struttura. “Ci sentiamo come se fossimo finalmente liberi esprimerci”, dice Greeley. Il cambiamento più evidente è visivo. Il campionato ha un nuovo logo – è un cristallo composto dalle lettere LCS – e un design grafico aggiornato per le dirette. Mentre il logo precedente era uno scudo che non sarebbe sembrato fuori luogo nel football universitario, quello nuovo rappresenta chiaramente un videogioco. É un’oda di cambiamento globale che vede riprogettazioni simili per le altre principali competizioni di LoL in tutto il mondo, tra cui Europa, Cina e Corea.

Greeley dice che il logo ha ricevuto finora una reazione mista dai fan, cosa che si aspettava. “La gente odia il cambiamento. Lo abbiamo visto praticamente ad ogni rebranding eSportivo”, dice, aggiungendo “Non vuoi [un logo che] sembra essere uscito da una lattina di zuppa. Deve essere roboante”. L’idea alla base del rinnovamento, dice, è di dare alla LCS la sua voce distinta in un campo sempre più affollato. “Non si tratta solo di un nuovo colore o di un nuovo logo, ma di come porteremo avanti la nostra trasmissione e i nostri contenuti”, afferma. “Il nostro è un progetto in continua evoluzione e ripeteremo questo iter nei prossimi uno o due anni, ma penso che questo sia un ottimo inizio “.

Per andare avanti su questi binari, la LCS sta anche introducendo alcune importanti modifiche al formato, con una maggiore attenzione ai tornei, incluso uno per l’inizio dell’anno che è cominciato il 15 gennaio. In precedenza, la competizione somigliava molto a qualcosa come la NFL, con una serie di partite della stagione regolare che culminavano nei playoff; le migliori squadre, poi, potevano approdare alle competizioni internazionali. L’obiettivo è trovare un equilibrio tra il brivido dei tornei a eliminazione diretta e la familiarità del gioco della stagione regolare. “I tornei sono entusiasmanti”, spiega Greeley. “Il problema è che se tutto è un torneo, se tutto è pensato per essere eccitante, allora niente sembra più eccitante”.

Nonostante i problemi causati dalla pandemia, la LCS, insieme a molti altri campionati di eSport, ha registrato un’enorme crescita in termini di spettatori lo scorso anno. All’annuale League of Legends World Championship però, le squadre nordamericane erano molto indietro rispetto alla concorrenza e non rappresentavano una grande minaccia per i grandi club di Europa, Cina e Corea. Gran parte della colpa è stata attribuita alla scena poco competitiva della regione. Invece di incoraggiare i giocatori locali emergenti, molti team LCS si sono affidati a player/celebrità di una certa età o importati.

La lega spera di cambiare la situazione con un nuovo ecosistema per i team di serie B in modo che le seconde squadre dei team della LCS – note come academy – siano in grado di giocare in diversi tornei contro altre squadre emergenti e universitarie. Questo culminerà in un torneo di fine anno chiamato LCS Proving Grounds. Secondo Greeley, questi cambiamenti erano in lavorazione da prima dei Worlds, ma il feedback è stato comunque il benvenuto. “La critica intorno alla necessità del Nord America di apportare modifiche per sviluppare i propri giocatori, è stata una gioia da ascoltare perché sapevo che stava arrivando”, dice. “Quando stai sviluppando una soluzione, e poi tutti si alzano in piedi e dicono “Abbiamo bisogno di una soluzione”, e tu ce l’hai lì, pronta per essere mostrata, in realtà è una bella sensazione“.

Il 2021 vedrà il campionato continuare a operare da remoto. In genere, le partite della LCS si svolgono in uno studio di Los Angeles con i fan presenti. Questo ovviamente non è stato possibile durante la pandemia, ma Greeley dice che questo potrebbe cambiare lentamente nel corso dell’anno. Il primo passo è riportare li team di regia nei nostri studi e la speranza è che quando arriveranno i playoff, anche i giocatori potranno essere presenti. Gli spettatori, nel frattempo, dovranno probabilmente continuare a guardare la LCS su Twitch e YouTube. “Non abbiamo fretta di riportare i fan nell’arena”, dice Greeley.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome