Call of Duty League annuncia il ritorno degli eventi offline dopo aver perso più di un anno di tornei davanti al suo pubblico dal vivo.

Activision ha riconosciuto l’importanza di avere eventi offline per Call of Duty e ha deciso di tornare a organizzarli insieme ai team in franchising. Il Covid 19 ha costretto le squadre di tutto il mondo a trasferirsi in Nord America. Ciò ha causato gravi problemi di connessione tra i team che gareggiavano da luoghi diversi. Con Call of Duty Cold War, la maggior parte dei team si è trasferita in Texas per avere una connessione al server ottimale. La maggior parte delle squadre, nonostante la posizione in franchising, ora risiede lì per ottenere un vantaggio competitivo.

Un’eccezione a questo trend sono i Toronto Ultra, attualmente situati in Canada, che hanno recentemente battuto gli Atlanta FaZe per vincere lo Stage 2 Major. Mark Bryceland, capo allenatore dei Toronto Ultra, ha parlato di come sarebbe stata la competizione nel loser bracket se non fosse stata online. “Quei momenti sarebbero stati fantastici di fronte a una folla dal vivo” ha detto Bryceland. “Sono i momenti come la vincita miracolosa dei Toronto Ultra quelli che vengono celebrati al meglio di fronte a migliaia di fan e i fan sono ciò che rende gli eventi di Call of Duty così memorabili”.

Per questo la Call of Duty League ha annunciato con orgoglio che ogni squadra avrebbe avuto il proprio homestand (un evento dal vivo nella città dove la squadra è basata) durante il 2021. Tuttavia, solo poche squadre selezionate sono state in grado di vivere questo tipo di eventi a causa del Covid 19. Ora, come anticipato dai vari team in franchising della Call of Duty League, i tornei offline sono tornati. Una gif animata all’interno del generatore automatico di gamertag della competizione ha dato una singola risposta: “BACK2LAN” a simboleggiare proprio il ritorno degli eventi offline e dal vivo. Ora, la stessa Call of Duty League ha confermato le voci. Ulteriori informazioni su questi eventi saranno presto disponibili.

Anche la Overwatch League non è voluta essere da meno e insieme alla notizia dell’inizio del campionato, ha annunciato l’intenzione di organizzare diversi eventi live in Cina.

Ci saranno tre scontri dal vivo distribuiti in tre città – Hangzhou a giugno, Shanghai a luglio e Guangzhou ad agosto – e il campionato afferma che si svolgeranno in luoghi con capacità ridotta “per soddisfare i requisiti di sicurezza locali”. Gli eventi saranno una sorta di ibrido tra competizione online e di persona. Ecco come li descrive la Lega:

I cinque team con sede in Cina – Hunters, Charge, Spark, Valiant e Dragons – hanno in programma di recarsi a ciascuno degli eventi per competere sul palco, mentre i tre team con sede in Corea – NYXL, Fusion e Dynasty non viaggeranno. Le partite che si svolgeranno tra una squadra con sede in Cina e una squadra con sede in Corea vedranno la squadra cinese gareggiare sul palco mentre i loro avversari gareggeranno dalla Corea in remoto sul nostro server cloud del torneo.

Come la maggior parte dei campionati di eSport, la Overwatch League è stata costretta l’anno scorso a passare alle competizioni online a causa della pandemia. Il cambiamento è stato particolarmente sentito dalla OWL perché il campionato – che comprende 20 squadre con sede in 19 città in Nord America, Europa e Asia – si stava preparando per la sua prima stagione in cui le squadre avrebbero giocato le partite nelle sedi di casa. Mentre la maggior parte della stagione 2021 dovrebbe ancora svolgersi in remoto, le notizie di oggi sono un passo importante per la OWL che torna al suo obiettivo originale.

La stagione 2021 dell’Overwatch League inizia il 16 aprile, con un’enorme lista di partite per tutto il fine settimana.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome