banner RoundOne21 Article 700×150

Il Covid19 ha certamente impedito ad alcuni eventi di disputarsi nel 2020, con una lenta ma convincente ripresa nel 2021, eppure ciò non ha impedito ai vari titoli di continuare a elargire montepremi tramite i vari tornei organizzati esclusivamente online in attesa di una normalizzazione della situazione. In particolare secondo i dati presentati da SafeBettingSites è Dota 2 il videogioco esports ad aver assegnato il più alto valore dei montepremi sommando tutti i 1525 tornei organizzati nella sua quasi decennale esperienza. In totale Dota 2 ha elargito 234 milioni di dollari, più di Counter-Strike: GO e Fortnite combinati insieme.

I giocatori cinesi si sono portati a casa un terzo di tale montepremi, con 66,2 milioni $; dietro di loro la Finlandia con circa 16 milioni e poi Stati Uniti, Danimarca e Russia. Tuttavia non sono cinesi i tre giocatori che occupano il podio della classifica di chi ha guadagnato di più: in cima il danese Johan “N0tail” Sundstein con 6,9 milioni $, seguito da Jesse “JerAx” Vainikka con 6,4 e da Anathan “ana” Pham con 6. Tutti e tre sono stati compagni di squadra negli OG che hanno conquistato per due volte di fila il The International, il mondiale di Dota 2.

All’inseguimento di Dota 2 si trova un altro titolo Valve: Counter-Strike: Global Offensive. L’fps sempre di casa Valve ha raccolto 115,8 milioni $ di montepremi, meno della metà di Dota 2. Tuttavia nel 2021 i montepremi di CS:GO sono stati tra i più alti: negli ultimi quattro mesi i giocatori di CS:GO hanno guadagnato 6,7 milioni $, il 20% in più rispetto a Fortnite e Dota 2. Terzo posto in classifica per Fortnite con 104,8 milioni $ in 731 tornei. Manco a dirlo il giocatore più vincente di sempre è Kyle “Bugha” Giersdorf grazie ai 3,1 milioni $ guadagnati con la vittoria del mondiale nel 2019. Dietro Fortnite si attestano League of Legends con 84,1 milioni $ totali e Starcraft II, quinto, con 35,1 milioni.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome