Il crowdfunding nei videogiochi non è un fenomeno recente. Molti sviluppatori ed editori di giochi hanno utilizzato il crowdfunding per ottenere il sostegno finanziario di cui avevano bisogno per creare titoli specifici. Questa tendenza risale almeno al 2012, quando Double Fine Adventure (in seguito ribattezzato Broken Age) è stato lanciato su Kickstarter con un obiettivo iniziale di 400mila dollari. Alla fine del round di finanziamento, il gioco ha superato più di 3 milioni di incassi. Il crowdfunding negli eSport, tuttavia, non è ancora stato abbastanza utilizzato come fonte di investimento per le entità del settore. La maggior parte delle società di eSport ha invece fatto affidamento su finanziamenti in capitale di rischio o altre opportunità di investimento privato per guidare le proprie operazioni. Questo non vuol dire che le start-up focalizzate sugli eSport non abbiano utilizzato il crowdfunding in passato, ma non c’è mai stato davvero uno studio su quanto potesse essere efficace questa forma di finanziamento. Questo fino al 2020. L’anno scorso ha visto una varietà di società di eSport, di diversa statura, impegnarsi nel crowdfunding per dare il via alle loro iniziative, fornire supporto finanziario extra o persino come metodo di coinvolgimento dei fan. La domanda è: cosa è cambiato?

Secondo Ben Goldhaber, CEO dell’hub di contenuti di eSport Juked.gg, la percezione del crowdfunding sembra essere stata alterata. Ha spiegato: “Non avevamo preso seriamente in considerazione la crowd equity a causa di uno stigma negativo percepito dal pubblico, indipendentemente dal fatto che lo stigma fosse vero o meno. Sembra che il tono sia cambiato. Il contributo economico dei fan sta diventando sempre più comune e sempre più accettato / compreso non solo dai fondi di venture capital ma anche dagli investitori medi”. Juked ha lanciato la sua campagna di crowdfunding su Republic.co a settembre 2020, che si è conclusa all’inizio di questo mese. In totale, la start-up di eSport ha raccolto 1,07 milioni di dollari con oltre 2.500 investitori individuali a sostegno dell’azienda. “Il nostro obiettivo era raccogliere almeno 500mila dollari ma ci siamo dati nove mesi per farlo. Abbiamo finito per raccogliere l’intero importo di 1,07 milioni di dollari in meno di quattro mesi”, ha aggiunto Goldhaber. “Non è stato facile far funzionare le cose, dal punto di vista legale e organizzativo per mettere insieme la nostra strategia di marketing per rispondere a dozzine di dozzine di domande difficili da parte degli investitori. Ma il ritmo degli investimenti ha superato di gran lunga le nostre aspettative”.

Ci sono vari modi in cui il crowdfunding potrebbe essere utile a un’entità eSportiva. Tuttavia, un vantaggio di questo tipo di finanziamento, ovvero aumentare il coinvolgimento dei fan, non era mai stato realmente esplorato prima. Fnatic ha cercato di cambiare le cose lanciando un’inaspettata campagna di crowdfunding azionario tramite Crowdcube. A differenza delle precedenti campagne di eSport, Fnatic era già un marchio internazionale affermato e cercava un’opportunità diversa, una che solo il crowdfunding poteva fornire. Il CEO e fondatore di Fnatic Sam Mathews ha discusso l’approccio dell’organizzazione in una recente intervista. “I vantaggi del crowdfunding hanno soddisfatto la nostra esigenza primaria, che era quella di offrire una nuova esperienza ai nostri fan“, ha commentato. “Consigliamo il processo a qualsiasi altra azienda che desideri ottenere lo stesso risultato“. Oltre al coinvolgimento dei fan, il crowdfunding può anche essere una fonte legittima di investimento per le grandi aziende, come ha sottolineato Mathews: “Nel fintech, ad esempio, aziende come Revolut e Monzo si sono finanziate con il crowdfunding. Anche Brewdog ha storicamente finanziato in crowdfunding in tutte le fasi della crescita dell’azienda e lo fa ancora fino ad oggi”.

Nel 2020, Fnatic è diventata la prima squadra di eSport a lanciare una campagna di crowdfunding. Ciò evidenzia ancora una volta quanto poco questa forma di investimento sia stata utilizzata nel settore. Come Juked, l’organizzazione ha raggiunto e superato ampiamente il suo obiettivo. La campagna Crowdcube dell’azienda ha attirato 4.000 investitori e ha raddoppiato il totale previsto assicurandosi oltre 2 milioni di sterline. Mathews ha aggiunto: “Per i nostri fan, l’aumento del pubblico offre loro la possibilità di approfondire davvero il loro rapporto con Fnatic e acquisire un livello di conoscenza e accesso al modo in cui gestiamo la nostra attività che nessun altro team offre“.

Anche se ci sono certamente molti aspetti positivi del crowdfunding, questo non significa che ogni entità di eSport debba adottare questa forma di investimento. In primo luogo, il crowdfunding si basa sul fatto che i partecipanti siano completamente investiti nelle idee offerte da un’azienda o nell’azienda stessa. Di conseguenza, è necessario dedicare molto tempo e impegno al marketing della campagna. In secondo luogo, come ha osservato Goldhaber, un’azienda deve essere estremamente trasparente. In particolare per quanto riguarda il suo modello di business, i piani futuri e anche, in alcuni casi, le sue finanze. Tuttavia, quest’ultimo non è necessariamente una cosa negativa per l’industria degli eSport, come ha spiegato Mathews di Fnatic, “È facile dimenticare esattamente quanto clamore c’è nel nostro settore, ma anche il grado di scetticismo su alcune delle affermazioni fatte. Coinvolgere gli investitori in modo aperto e onesto aiuta ad affrontare questo scetticismo”.

Quindi, questo significa che le aziende, le organizzazioni e le start-up di eSport dovrebbero immediatamente passare esclusivamente al crowdfunding? No. Ci sono ancora una serie di vantaggi che rendono attraente l’investimento in capitale di rischio. È importante notare che lo stesso giorno in cui Fnatic ha lanciato la sua campagna di crowdfunding, l’organizzazione ha anche raccolto 10 milioni di sterline in un round di finanziamento tradizionale. Il fornitore di servizi di eSport mobili Gamerpro è un’altra società che ha scelto di seguire la strada del crowdfunding. Tuttavia, l’azienda ha anche annunciato la sua partecipazione al programma Future Fund del Regno Unito. Future Fund fornisce ad alcune società del Regno Unito prestiti per continuare la loro crescita nonostante gli ostacoli economici causati dalla pandemia.

In seguito all’annuncio della società che la sua campagna Seedrs è stata resa pubblica, il Ceo di Gamerpro Gary Sonyak ha parlato di come il crowdfunding può essere utilizzato e combinato con altre forme di investimento. Ha detto: “Il crowdfunding potrebbe essere un buon strumento di marketing per aumentare la popolarità del marchio o dell’azienda. O ancora meglio da utilizzare come canale di monetizzazione poiché la maggior parte delle società legate agli eSport stanno lottando per monetizzare efficacemente il proprio pubblico. Penso che combinare il crowdfunding con Future Fund sia il modo migliore per raccogliere fondi al giorno d’oggi, non solo negli eSport“. Man mano che gli eSport acquisiscono maggiore popolarità nei media mainstream, sorgeranno naturalmente maggiori opportunità di investimento. Di conseguenza, verrà probabilmente utilizzato più finanziamento di capitale di rischio, mentre alcune società, come Luckbox, hanno persino considerato il mercato azionario come una possibilità. La società di scommesse si è quotata al TSX Venture Exchange di Toronto a metà dicembre 2020. Alla fine, il 2020 ha dimostrato che il crowdfunding può essere visto come una valida opportunità di investimento negli eSport. Con questi successi, aspettiamoci di vedere più entità in via di sviluppo utilizzare il crowdfunding su piattaforme come Seedrs, Crowdcube e Republic per iniziare il loro percorso insieme ai loro fan.

banner APP ESM 700×150

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome