banner APP ESM 700×150

“Occhio alle scelte se volete investire nel settore scommesse esports”, a dirlo è Ron Mendelson, direttore della società di consulenza International Business & Corporate Services, che ha pubblicato una guida pensata proprio per chi vuole investire sugli esports.

Il momento attuale, condizionato fortemente dalla pandemia da coronavirus sempre più di portata mondiale, rappresenta senza dubbio un periodo ideale per le aziende che intendono investire sul settore degli esports, che ha conosciuto un boom notevole negli ultimi mesi, a causa del lockdown. Soprattutto in termini di scommesse. Tuttavia, trattandosi di un settore molto particolare e ben diverso da quello degli sport tradizionali a cui sono abituati i bookmaker, per poter avviare questa attività bisogna adottare delle precauzioni. Come spiega il consulente Ron Mendelson, direttore della società di consulenza International Business & Corporate Services con sede in Costa Rica, Fast Offshore, pubblicando una mini-guida dedicata a chi intende investire negli sport elettronici.

Con oltre 22 anni di esperienza nel mondo reale in Licenze e pagamenti iGaming, Conformità alle normative, Strutturazione aziendale efficiente sotto il profilo fiscale, con competenze anche su hedge fund, Blockchain e Servizi di criptovaluta, Mendelson afferma che la giurisdizione più popolare per le start-up degli esport è il Curacao, seguita dalla nazione Kahnawake e da Malta. Tra i vari argomenti toccati nella guida, include anche la necessità di incorporare una società specializzata, adottare un regolamento aziendale ben preciso e stipulare un contratto con almeno un fornitore di pagamenti, una piattaforma software, per cominciare.

Gli esport stanno attraversando un periodo di forte crescita. Quello che una volta era considerato un settore di nicchia, sta trovando la sua strada a livello mainstream. Milioni di persone si stanno sintonizzando per guardare i giochi, i grandi nomi sponsorizzano e molte piattaforme di gioco online consentono ai clienti di piazzare scommesse. Questo settore sta quindi diventando più grande ed è tempo di essere coinvolti. Per coloro che vogliono creare una piattaforma di scommesse esports, ci sono diverse cose che devi considerare prima di saltare.

Gli esport sono competizioni di videogiochi multiplayer che vengono giocate online. I giocatori sono professionisti o semi-professionisti e competono per vincere grandi premi finanziari. I fan degli esport seguono ogni partita, torneo o campionato e sempre più scommettono su chi credono vincerà. Le scommesse possono anche essere organizzate su eventi di gioco, il che significa che ci sono molte opportunità nella categoria esports. Le scommesse possono essere piazzate in valuta fiat o criptovaluta. Alcune scommesse sono piazzate sotto forma di skin, che sono oggetti virtuali che possono essere utilizzati all’interno del gioco. I giochi di esports più popolari sono League of Legends, Counter-Strike, StarCraft, Call of Duty e Dota 2. Naturalmente, ci sono un numero crescente di altri videogiochi che stanno diventando popolari, con l’aumentare della domanda di tornei.
Circa 2,7 miliardi di persone giocano abitualmente ai videogiochi. Mentre la maggior parte gioca per divertimento, un numero crescente di player sta giocando in modo competitivo. Le possibilità di scommettere sull’esito di questi giochi sono enormi e alcuni suggeriscono addirittura che un giorno, man mano che le generazioni più giovani matureranno, potrebbero superare le scommesse sportive.

“Gli esport non sono un fenomeno nuovo, ma non sono ancora così conosciuti come le scommesse sportive. Se un operatore di gioco vuole entrare nel settore delle scommesse esports, deve chiedere il parere di qualcuno che conosce il mercato“, scrive l’esperto. “Deve essere sicuro di aver scelto la giurisdizione giusta, il giusto tipo di licenza e di aver preso in considerazione i fornitori di società, banche e pagamenti. Se non si prendono in debita considerazione queste questioni o se si lavora con qualcuno che non le conosce a fondo gli esports, le cose potrebbero andare storte. Idealmente, è necessario coinvolgere un fornitore di servizi aziendali con una comprovata esperienza nel mondo del gioco d’azzardo online e con una conoscenza approfondita degli esport e delle scommesse sportive. Devono anche essere operativi in varie giurisdizioni, quindi hai la flessibilità di scegliere quella migliore per le tue licenze. Oltre ad aiutarti ad acquisire la licenza, il fornitore deve essere pronto ad aiutarti a sviluppare la tua attività, collegarti con i contatti del settore e fare la manutenzione aziendale dietro le quinte. Scegliere qualcuno che ha aiutato altri come te ad avere successo è un gioco da ragazzi e parte integrante del tuo viaggio esports”.

“Per offrire scommesse e depositi, pagare e generare entrate, si deve disporre di un regolamento aziendale e di un contratto con almeno un fornitore di pagamenti. L’apertura dei conti può essere difficile, soprattutto in una giurisdizione straniera, quindi è necessario affidarsi al proprio fornitore di servizi. Mentre puoi avvicinarti e negoziare con i fornitori di servizi di pagamento, se sei una startup, è improbabile che tu ottenga una buona tariffa. Se passi attraverso il tuo fornitore, saranno in grado di sfruttare le loro relazioni commerciali esistenti per garantire tariffe migliori per te”.

Tra i principali fattori da considerare, e sui quali investire, c’è quello del software. Poi tutto ciò che riguarda la gestione, senza trascurare l’aspetto della sicurezza. “Quale piattaforma software utilizzerai? Offri anche scommesse esports o altri prodotti di scommesse? Vuoi fornire chat room, bonus, scommesse in-play e statistiche? Come proteggerai la sicurezza della piattaforma e dei suoi utenti? Queste sono solo alcune delle considerazioni sul software che avrai. Ancora una volta, scegliendo un fornitore di servizi con esperienza, possono darti consigli e indicazioni su quali siano le migliori piattaforme per l’attività”.

Attenzione, però: la lista di argomenti esposta da Mendelson non si deve considerare esaustiva: “Questo non è un elenco completo di cose che devi considerare prima di lanciare la tua piattaforma di scommesse esports. Ci sono innumerevoli cose su cui devi decidere prima di “andare in diretta”. Piani aziendali, marketing, accordi di affiliazione e finanza sono solo alcuni esempi. Avviare una nuova impresa può essere abbastanza stressante, ma entrare in un nuovo settore senza alcuna esperienza lo è ancora di più. Ecco perché devi collaborare con un fornitore di servizi aziendali che ha già fatto tutto questo prima. Attingi dalla loro esperienza e conoscenza e lascia che ti guidino verso il successo”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome